Pulire le stufe a pellet: 5 modi per farlo

Fabiola Criscuolo
  • Dott. in Scienze Politiche

Quali sono le migliori soluzioni per pulire la stufa a pellet? In che modo possiamo assicurarci una manutenzione corretta per preservarla per il prossimo inverno? Scopriamo insieme tutte le soluzioni più pratiche.

Pulire le stufe a pellet: 5 modi per farlo

Galleria foto ed immagini

Con l’arrivo delle giornate più calde siamo soliti dimenticare i sistemi di riscaldamento che ci hanno accompagnato per tutta la stagione invernale. Durante le faccende quotidiane infatti tendiamo a procrastinare il momento della pulizia di questi accessori, consapevoli del fatto che non avremo necessità di utilizzarli.

Che si tratti di termosifoni o in particolare di stufe a pellet, rimandiamo la loro manutenzione senza considerare che l’accumulo di polvere e di sporcizia potrebbe compromettere la funzionalità degli stessi al momento opportuno. È quindi fondamentale, anche durante la bella stagione, dedicare qualche momento alla pulizia delle stufe a pellet.

E anzi consigliato approfittare della stagione calda in quanto, non essendo utilizzati, avremo maggiori possibilità e soprattutto tempo per approfondire la manutenzione e rimuovere tutto lo sporco residuo dovuto all’utilizzo quotidiano. Abbiamo quindi scelto di consigliarvi qualche soluzione pratica per la pulizia della stufa a pellet.

Pulire le stufe a pellet: 5 modi per farlo

1. Pulire il braciere e il cassetto

Pulire le stufe a pellet: 5 modi per farlo

Quando ci dedichiamo alla pulizia della nostra stufa a pellet alla fine della stagione è necessario prestare molta attenzione a tutti i residui di polvere e di cenere che sono contenute all’interno di essa. Prendiamoci del tempo da dedicare ad elementi come il braciere e il cassetto, quelli che spesso tendiamo a pulire in maniera superficiale.

Partiamo quindi dallo smontarli e puliamoli attentamente con prodotti specifici. È necessario non esagerare con l’utilizzo di prodotti chimici che, se non correttamente rimossi con acqua, potrebbero essere dannosi anche nel lungo termine quando ricominciamo ad utilizzare la nostra stufa a pellet.

Un consiglio è quello di rimuovere cenere e sporco aiutandoci con un panno di cotone e poca acqua, la stessa che, se ristagna, provocherebbe cattivo odore e problemi al funzionamento futuro della stufa.

2. Svuotare il serbatoio del pellet

Pulire le stufe a pellet: 5 modi per farlo

Quando puliamo la stufa a pellet alla fine della stagione invernale è necessario svuotare completamente il serbatoio del pellet a fine di pulirlo e igienizzarlo correttamente per prepararlo al successivo utilizzo.

In primavera possiamo infatti rimuovere completamente ogni residuo approfittando per pulire correttamente il serbatoio ed evitare quindi la possibilità che questo richiami insetti o acari che potrebbero essere anche dannosi per la nostra salute.

Così come per gli altri elementi della stufa, assicuriamoci di pulire ogni angolo anche con aspiratori specifici per la stufa a pellet. La segatura contenuta nel serbatoio potrebbe infatti gonfiarsi con l’inutilizzo e provocare danni all’elemento. Se all’interno troviamo ancora del pellet utilizzabile è consigliabile conservarlo in maniera adeguata per il successivo utilizzo.

3. Pulire il condotto

Pulire le stufe a pellet: 5 modi per farlo

La stagione più calda è il momento ideale per pulire il condotto della stufa a pellet eliminando tutta la fuliggine e la cenere che vi si è accumulata e che potrebbe successivamente comportare danni al funzionamento della stufa. Approfittando del momento in cui smontiamo quasi completamente la stufa, utilizziamo materiali specifici per pulire questo componente.

È necessario quindi che sia rimossa tutta la cenere e la fuliggine dalle pareti del condotto assicurandoci che non vi siano poi residui chimici o di acqua che potrebbero compromettere il funzionamento della stufa durante il suo utilizzo. Utilizziamo prodotti consigliati dai rivenditori delle stufe a pellet e, se necessario, facciamoci aiutare da un esperto in quest’operazione.

4. Pulire la camera di combustione

Pulire le stufe a pellet: 5 modi per farlo

La camera di combustione è l’elemento che più di tutti è soggetto all’usura e alla sporcizia durante l’utilizzo della stufa a pellet. Proprio la bella stagione è il momento ideale per una pulizia approfondita di questo elemento che ci permetta successivamente di utilizzarlo in modo opportuno e soprattutto di allungare la vita della nostra stufa.

Utilizziamo quindi un panno in cotone e strofiniamo energicamente tutte le pareti della camera di combustione, al fine di eliminare completamente ogni residuo di cenere e sporcizia che vi si è accumulato durante l’inverno. Anche in questo caso cerchiamo di evitare prodotti chimici e acqua che potrebbero ristagnare provocando danni. Anche se è faticoso, questo passaggio ci consentirà di utilizzare per lungo tempo la stufa senza che questa si danneggi.

5. Pulire la canna fumaria

Pulire le stufe a pellet: 5 modi per farlo

Ultimo ed essenziale passaggio è la pulizia della canna fumaria. Ciò richiede la conoscenza delle norme in vigore riguardo la sua manutenzione e per questo motivo è necessario affidarsi ad un esperto del settore.

Possiamo anticipare il lavoro utilizzando dei prodotti specifici che, anche se non ottimali, consentiranno di rimuovere dalla stessa gran parte dello sporco che potrebbe poi riversarsi all’interno della casa.

In ogni caso è necessario che un tecnico certificato garantisca che sia avvenuta la corretta manutenzione. Il periodo di inutilizzo è il più indicato per questo passaggio: consente di osservare se è presente un eccessivo quantitativo di cenere dannosa per la salute.

Galleria idee e foto per pulire la stufa a pellet

Il periodo più caldo è il più indicato per la manutenzione approfondita della stufa a pellet. In questa galleria di immagini abbiamo raccolto alcuni suggerimenti per la stessa.