Piante antizanzare: ecco quella perfetta per eliminarle

Autore:
Fabiola Criscuolo
  • Dott. in Scienze Politiche

Ora che il loro periodo si sta avvicinando, eliminare le zanzare appare un pensiero fisso. Come possiamo allontanare questi insetti così fastidiosi e spesso pericolosi per la nostra salute? Forse la soluzione è nella natura. Ecco perché.

Photo by Brett_Hondow – Pixabay

Con l’inizio della primavera ritornano anche quelle che molti definiscono un vero e proprio incubo: le zanzare. Questi fastidiosi insetti spesso infatti compromettono il tempo che vorremmo trascorrere all’aria aperta, piacevolmente in compagnia o anche in tranquillità da soli a leggere un libro o a sorseggiare una bevanda fresca, per godere del sole e della temperatura mite.

Si pensa che questo insetto sia attirato da piante e umidità. Questo però non è del tutto vero perché basta le zanzare scelgono il loro habitat lì dove sono presenti ristagni di acqua, quindi anche dove non sono presenti piante, quanto piuttosto fogne o scarichi. Scegliere infatti i giusti vegetali potrebbe essere anzi un deterrente per questi insetti fastidiosi. Esistono infatti specifiche tipologie di piante il cui odore è semplicemente insopportabile per questi insetti che sentiranno quindi il bisogno di scappar via.

Strumenti alternativi come insetticidi e i diversi repellenti chimici, oltre ad avere effetti dalla durata davvero limitata nel tempo, sono particolarmente dannosi per la respirazione dell’essere e altamente inquinanti per l’ambiente. É per questo che è altamente consigliabile optare per rimedi naturali o specifiche piante che possono diventare in un attimo nostre alleate. In questo modo risolveremo questo fastidioso problema e, allo stesso tempo, arricchiremo il balcone di casa o il giardino donandogli colore e vitalità.

Eliminare le zanzare: la natura ci aiuta

Photo by Pitsch – Pixabay

Sono in realtà diverse le piante che infastidiscono le zanzare e rendono per loro davvero poco piacevole la permanenza nel luogo. Prima fra tutte abbiamo la Lantana. Si tratta di un tipo di pianta molto semplice da coltivare, dall’estetica inconfondibile e in grado di donare un tocco di luce e vitalità ai vostri ambienti esterni. È altamente consigliato piantarla in un punto dove il terreno è ben drenato e quindi predisposto a mantenere le piante in vita. È inoltre fondamentale che riceva la giusta quantità di luce quotidiana ma non deve essere colpita in modo diretto dalla luce del sole.

Se scegliamo di coltivare questa pianta è bene prestare attenzione alla pacciamatura, ovvero lo spargimento di pacciame sul terreno per salvaguardare le culture da un’eccessiva insolazione. La Lantana ama infatti il caldo, caratteristica che consente di annaffiarla una sola volta alla settimana, tuttavia non deve mai essere sottoposta a troppo caldo, al fine di non danneggiare le radici e, di conseguenza, l’intera pianta.

La fioritura della Lantana

Photo by Ylanite – Pixabay

Se curata nel modo giusto, quest’utilissima e splendida pianta, con l’inizio della primavera, donerà fiori meravigliosi dall’odore tanto incantevole per gli essere umani, quanto insopportabile per le zanzare, aiutandoci a limitarne l’arrivo nel periodo più delicato.

Per essere sicuri che fiorisca, e che quindi abbia per noi l’effetto desiderato, ricordiamo di piantarla in un terreno drenante e con PH neutro e di conservarla a una temperatura di circa 20°. Ciò significa riparla dalle intemperie in inverno, quando il clima è più rigido, e collocarla in zone all’ombra d’estate, quando le temperature salgono.

Sempre nell’ottica di tenere lontane le zanzare, qualcuno potrebbe voler provare altre soluzioni, oltre a quella green. Già pensato a delle apposite zanzariere? Ecco la guida per scegliere il modello migliore.