Foglie di orchidea: prova questo metodo per renderle meravigliose

Autore:
Fabiola Criscuolo
  • Dott. in Scienze Politiche

Le foglie di orchidea posso regalare grandi soddisfazioni. Queste piante sono infatti tra le preferite per arredare e decorare e da un singolo elemento può nascere molto di più.

Photo by jlxp – Pixabay

L’orchidea è una delle piante più apprezzate e amate per la sua bellezza e delicatezza. Sono in molti coloro che scelgono di coltivarla all’interno della casa, luogo più adatto per la sia crescita, ma è anche vero che si tratta di un esemplare piuttosto impegnativo che richiede estrema cura e specifici trattamenti.

Se trattata nel modo giusto, può dare anche grandi soddisfazioni, rendendo unico e donando armonia ed eleganza ad ogni ambiente domestico. Sono infatti diversi gli esemplari che si possono coltivare e i colori che possono abbellire le mura domestiche.

Il tutto consiste nel conoscere le giuste tecniche, in particolare quando si desidera far crescere nuove foglie e nuove radici. In questo caso può essere sufficiente anche solo un bicchiere di acqua per lo scopo.

Foglie di orchidea: mettile in acqua

Photo by NoName_13 – Pixabay

Far crescere nuove foglie e nuove radici non è molto complicato, quanto piuttosto delicato. Si deve infatti prestare attenzione a seguire con cura determinati passaggi indispensabili. Per prima cosa dovremo eliminare il terreno e separare le radici danneggiate dalle foglie della pianta. A questo punto 
vanno disinfettate le foglie per prevenire la comparsa di eventuali malattie.

Per disinfettare le foglie possiamo usare un elemento che senza dubbio possediamo in casa, ovvero l’aglio. Quest’ultimo andrà pestato e unito a mezzo litro d’acqua. Una volta filtrato il composto otterremo quindi dell’acqua aromatizzata che dovremo spruzzare sulle foglie e poi strofinarle utilizzando un dischetto di cotone. Si raccomanda la massima attenzione per non guastare la pianta e far sì che lo spray aromatizzato venga assorbito il più possibile.

Una volta concluso questo passaggio dovremo immergere le radici della pianta in un bicchiere, pieno dell’acqua aromatizzata all’aglio che avete preparato in precedenza, per circa 30 minuti. In seguito asciughiamo accuratamente la pianta e inseriamola, a testa in giù, in un bicchiere di plastica, precedentemente forato nella parte superiore, in modo tale da permettere al vegetale di respirare e di trattenere a sufficienza l’umidità di cui si nutrirà.

L’ultimo passaggio consiste nel versare sulla pianta un bicchiere d’acqua di rubinetto. Quest’ultima però non deve riempire interamente il vaso ma deve coprire semplicemente la parte iniziale delle foglie. Chiudiamo il bicchiere forato con un altro e lasciamo la pianta a riposo per 45 giorni.

Durante questo lasso di tempo, le radici della pianta, continueranno a rinforzarsi. E, per salvaguardare la loro salute, sarà fondamentale nebulizzare acqua del rubinetto sulle radici almeno una volta ogni tre giorni.

Trascorso il tempo le radici saranno quindi sane e robuste e, a questo punto, potremo traferire l’intera pianta in un nuovo vaso. Immergiamola nell’acqua all’aglio, per circa 30 minuti prima di trapiantarla nuovamente.

Attenzione alla collocazione

Photo by anncapictures – Pixabay

Il luogo dove lasciamo crescere la nostra orchidea è fondamentale per la sua crescita. Questa deve infatti essere collocata alla luce senza avere però un’esposizione troppo diretta, per evitare che si danneggino le foglie e i petali. Ecco perché possiamo scegliere un mobile frontale a una finestra per la sua coltivazione.

Le orchidee sono perfette per arredare la casa con colore ed eleganza discreta  e non provocano allergie a chi di solito, soprattutto in primavera, risente del polline.