Come pulire il barbecue: 5 nuove regole, modi economici e fai da te

Beatrice Deon
  • Dott. in Comunicazione d'Impresa

Aceto e bicarbonato, caffè, sapone di Marsiglia o vapore: ecco alcuni metodi naturali ed economici per pulire il barbecue facilmente.

Come pulire il barbecue: 5 nuove regole, modi economici e fai da te

Galleria foto ed immagini

Pulire il barbecue è sempre un’impresa: il grasso si deposita sulle griglie e, insieme ai residui di cibo crea una patina davvero difficile da rimuovere. Lo sapevi che le tue difficoltà nel detergere le griglie potrebbero essere dovute semplicemente al momento in cui decidi di pulirle?

Infilzando con un forchettone un limone o una cipolla, puoi usarli per sgrassarle “a caldo, poco dopo lo spegnimento della fiamma. Attenzione a non scottarti, però.

Se invece hai paura di bruciarti e vuoi aspettare che la griglia sia fredda, potrebbe essere più difficoltoso. A questo proposito abbiamo preparato per te alcune idee e consigli che ti saranno utili per pulire il barbecue utilizzando metodi naturali e decisamente economici.

Come pulire il barbecue: 5 nuove regole, modi economici e fai da te

1. Pulire il barbecue con aceto e bicarbonato

Come pulire il barbecue: 5 nuove regole, modi economici e fai da te

Di solito questa miscela viene utilizzata per pulire le stoviglie, ma ha un’ottima capacità sgrassante, quindi può essere utilizzato anche per le griglie del barbecue.

Aggiungi in una bottiglia un litro di acqua tiepida, poi due cucchiai di aceto, mescola il tutto e travasa in una bottiglia con lo spruzzino. Poi potrai spruzzarlo sulla griglia e lasciar agire per circa 15 minuti.

Una volta passato il tempo, strofina con forza usando una paglietta di ferro. A questo punto impregna una spugnetta in una miscela di acqua e bicarbonato e passala sulla griglia: il risultato sarà un barbecue come nuovo, senza più odore di carne o pesce.

Potrebbe interessarti Pulire barbecue: 6 errori classici

2. Utilizza il sapone di Marsiglia

Come pulire il barbecue: 5 nuove regole, modi economici e fai da te

Un altro tipo di detergente utilizzato di solito per altri scopi è il sapone di Marsiglia, che in realtà abbiamo scoperto essere un ottimo rimedio per sgrassare l’acciaio.

Riempi una ciotola di acqua e versaci un bicchiere di sapone di Marsiglia, poi immergici la griglia e lasciala riposare in ammollo per circa 20 minuti.

Passato il tempo tirala fuori e strofina i punti più sporchi con una spugnetta e del sapone di Marsiglia. Una volta fatto questo sciacqua le griglie con abbondante acqua calda e asciugale con uno straccio di cotone. Il risultato finale ti sorprenderà.

3. Usa il caffè per “grattare” le griglie

Come pulire il barbecue: 5 nuove regole, modi economici e fai da te

Forse lo sapevi già, ma ci sono diversi modi per sfruttare il caffè avanzato, e uno di questi riguarda proprio la pulizia del barbecue. Grazie alla sua capacità esfoliante, infatti, potrai utilizzare i fondi del caffè per rimuovere il grasso dalla griglia.

Inoltre il caffè ha anche un forte potere sgrassante: unisci a una bacinella di acqua calda, una bella tazza di caffè, poi immergi gli utensili del barbecue e lasciali dentro per circa un’ora.

Passato il tempo risciacqua bene gli utensili, sfregandoli con forza: sembrerà che tu li abbia appena acquistati.

4. Utilizza la tecnica del vapore

Come pulire il barbecue: 5 nuove regole, modi economici e fai da te

Questo procedimento è efficace solo nel caso in cui possiedi un barbecue professionale, con il coperchio per chiuderlo. In questo caso creeremo una vera e propria “camera di vapore”, che riempirà l’interno del barbecue di calore, per sciogliere il più possibile il grasso.

Riempi perciò una bacinella di acqua calda, mettila sulla griglia e scalda il barbecue quanto basta per farla bollire, poi chiudi il coperchio. Lascia che il vapore agisca per almeno 15 minuti, poi apri il coperchio. A questo punto il grasso sarà molto più semplice da rimuovere.

5. Pulire gli accessori

Come pulire il barbecue: 5 nuove regole, modi economici e fai da te

Ovviamente quando parliamo di pulizia del barbecue non ci limitiamo a lavare e sgrassare la griglia, ma dobbiamo porre una particolare attenzione anche agli accessori.

Per chi ha un barbecue professionale, il coperchio potrebbe riempirsi di schizzi di grasso all’interno. Grattali via con un raschietto, rigorosamente in plastica rigida, poi spruzza con il composto di acqua e aceto. Dopo una decina di minuti risciacqua con una spugna tiepida.

Sempre a contatto con il cibo, forchettoni e pinze hanno bisogno di essere ben puliti. Utilizziamo sempre l’aceto, mettendoli in ammollo in una bacinella di acqua tiepida e due cucchiai di aceto per 20 minuti. A questo punto potrai lavarli con il classico sapone dei piatti, ricordandoti di sciacquarli con attenzione.

Anche i contenitori per raccogliere il grasso richiedono di essere puliti e sgrassati. In questo caso dovrai smontarli e lasciarli in ammollo per 30 minuti in una bacinella di acqua calda, in cui avrai mescolato aceto e bicarbonato. Fatto questo, sciacqua con abbondante acqua e asciuga con uno strofinaccio.

Infine, non dimentichiamo che anche il tagliere su cui hai tagliato la carne ha bisogno di essere pulito e adeguatamente sanificato. In realtà per il legno il processo è molto più semplice: strofinalo con mezzo limone e poi sciacqualo in acqua tiepida. In questo modo sarà pulito, sanificato e avrai eliminato eventuali odori.

Galleria idee e foto per pulire il barbecue

A questo punto, ecco per te alcuni consigli e idee che ti saranno utili per pulire il barbecue in modo semplice ed economico.