Termosifoni a gas metano: ecco i trucchi per risparmiare di più

Autore:
Laura Scarpellini

Termosifoni a gas metano da preferire? In questo momento in cui gli italiani sono molto accorti nel valutare i consumi energetici, ci si pone spesso quale sia la migliore soluzione da adottare, per non vedere lievitare i costi energetici in bolletta. Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza in merito, per meglio andare a gestire le spese di casa.

Termosifoni a gas metano: ecco i trucchi per risparmiare di più
Photo by geralt – Pixabay

Termosifoni e non solo per il giusto calore in casa

Ormai siamo entrati nella stagione più fredda dell’anno e tutti vedono le proprie bollette energetiche salire vertiginosamente. Anche per il riscaldamento quindi si rende necessario andare ad attivare tutte quelle strategie possibili che abbiano come obiettivo quello di andare a risparmiare sui costi energetici.

Oggi si hanno a disposizione diverse opportunità per poter provvedere al riscaldamento della propria casa senza per questo ritrovarsi poi con delle bollette molto più care del solito. Sistemi alternativi al riscaldamento tradizionale dei termosifoni, sono sempre più diffusi. Si possono reperire facilmente innovativi camini a bioetanolo, o stufe a pellet sempre più performanti.

Termosifoni e risparmio: trucchi per risparmiare sulle bollette

Per chi intendere optare per la tipologia di riscaldamento più convenzionale in casa ossia i termosifoni, la prima regola per contenere i costi energetici è quella di ottimizzare i consumi, evitando gli sprechi. A tal riguardo una corretta manutenzione dell’impianto è tra le prime procedure da adottare con regolarità.

La durata di accensione va sempre opportunatamente adeguata alle esigenze della famiglia, andando anche a spegnere il riscaldamento, una volta raggiunto il calore desiderato.  Altro suggerimento molto valido ai fini del risparmio energetico è quello di dotarsi di pannelli termo riflettenti, da andare ad inserire tra l’elemento radiante e la parete.

L’accortezza di chiudere le tapparelle o le persiane al calar del sole inoltre eviterà che la superfice dei vetri delle finestre possa raffreddarsi eccessivamente, sottraendo calore all’ambiente domestico.

Forse non tutti tengono conto del senso funzionale piuttosto che a quello estetico nel momento in cui si decide di corredare le stanze con mobili e tendaggi.

Infatti l’aria calda generata dagli elementi riscaldanti tende andare verso l’alto per meglio diffondersi negli ambienti. Pertanto sarà opportuno andare a eliminare ogni impedimento che ostruisca la circolazione nell’ambiente del flusso di aria calda, anche al fine di un’incidenza sui consumi energetici stimata intorno al 15%.

Termosifoni a gas metano: ecco i trucchi per risparmiare di più
Photo by Skitterphoto – Pixabay

Facciamo due conti

Per avere un’idea dei costi energetici per un’ora di riscaldamento con i termosifoni, bisogna tenere conto di diversi fattori che concorrono alla definizione dei consumi. Volendo aver un’idea di quanto possa sviluppare in consumi un’ora di riscaldamento con i termosifoni in inverno, ci si attesta tra 2-12 kWh, pari a 0,25-1,5 mc/ora.

Prendendo in riferimento il gas metano, 1 kWh ad uso domestico che vada ad alimentare una caldaia domestica svilupperà una spesa pari a 0,11 euro. Facendo un rapido calcolo moltiplicando tale cifra per 5,23 kWh ne dedurremo il costo orario pari a 0,57 euro.

Termosifoni a gas metano: ecco i trucchi per risparmiare di più
Photo by Bru-nO – Pixabay

Per avere un quadro ben definito dei costi derivanti dal riscaldamento in un appartamento, sarà bene andare ad analizzare ogni singolo caso, tenendo conto sia dello stile di vita all’interno della casa che delle abitudini di ciascun componente del nucleo familiare, e il tempo in cui effettivamente la casa viene vissuta.

Determinante poi sarà lo stato strutturale dell’abitazione se sarà stata fatta oggetto di ristrutturazione volta al risparmio energetico, o se si tratti ancora di una casa dalle vecchie concezioni progettuali.