Superbonus: tutte le date da segnare in agenda

Autore:
Laura Scarpellini

Superbonus ancora al centro di continui aggiustamenti che con l’ennesima riforma non si potrà che attendersi nuove proroghe e scadenze. Il tanto invocato incentivo fiscale nel campo dell’edilizia ha portato indiscutibilmente ad una ventata di energia e di entusiasmo. Ora però in vista di prossimi tagli e ristrettezze a tal riguardo, ecco che gli italiani sono in apprensione, tenendo conto di posti di lavoro a rischio, e i cantieri lasciati in sospeso.

Galleria foto ed immagini

Superbonus: tutte le date da segnare in agenda
Photo by whitesession – Pixabay

Superbonus: ecco tutte le sue scadenze

Cantieri lasciati alla deriva, personale edile fermo e tanta incertezza sul riavvio dei lavori, sono gli scenari che si stanno presentando nelle ultime settimane che ci avvicinano alla fine dell’anno.

I proprietari di casa che hanno incaricato ditte edili per l’esecuzione di lavori inclusi nel Superbonus, rientrano nella quota di quei 15 miliardi di euro di lavorazioni, lasciate in sospeso, rischiando di vedere perdute le spettanti agevolazioni del 110 %.

Cosa aspettarsi quindi?

Il Superbonus ad oggi è costato alle casse dello Stato italiano ben 100 miliardi di euro, anche se uno studio effettuato di recente ha evidenziato che gli effetti di tale investimento, porterà un ritorno economico, pari a 200 milioni di euro, per l’economia italiana. La transazione energetica avrà quindi avviato il suo cammino anche nel nostro Paese, grazie ad  una grande spinta iniziale.

Ecco quindi che quanto prima il Governo sarà chiamato a prendere importanti decisioni per andare a sbloccare questa situazione di stallo, che si è venuta a creare.

Se da un lato potremo assistere ad una proroga dei tempi di chiusura cantieri, riguardante i lavori nei condomini., di contro ciò andrà ad incidere negativamente sui conti pubblici dello Stato.

Un’alternativa sarebbe quella di non formulare alcuna proroga, niente SAL, e portare la detrazione fiscale al 70 %. Sempre riguardo al Sal (stato avanzamento lavori), potrebbe venire istituito eventualmente un suo nuovo corso straordinario, con detrazione al 110 % per i lavori eseguiti al 31 dicembre 2023, e una nuova detrazione al 70 %  per quelli da eseguirsi nel 2024.

Superbonus: tutte le date da segnare in agenda
Photo by Alexas_Fotos – Pixabay

2024: quali saranno i bonus attivi

Il prossimo anno ormai alle porte vedrà ancora attivi:

  • Bonus barriere architettoniche con una detrazione fiscale del 5 % da poter fruire nell’arco di 5 anni con tetto dai 30 ai 50 mila euro per i condomini o le singole abitazioni.
  • Sismabonus con un massimo di spesa pari a 96 mila euro da ammortizzare in 5 anni.
  • Bonus ristrutturazione con detrazione al 50% con tetto di spesa fissato a 96 mila euro.
  • Bonus elettrodomestici e arredamento con massimo di spesa ridotto a 5 mila euro e detrazione al 10% sfruttabile in 10 anni.
  • Ecobonus riguardante i nuovi impianti sostenibili, con detrazione al 50 o 65% secondo la tipologia dei lavori.
Superbonus: tutte le date da segnare in agenda
Photo by anncapictures – Pixabay

Superbonus: le proroghe 2024

Quella che vedremo nel 2024 sarà una versione più contratta del Superbonus a cui siamo stati abituati, fino ad oggi. Infatti l’agevolazione fiscale sarà ad appannaggio solo dei condomini con una detrazione pari al 70%. Il Superbonus 110% sarà fruibile fino al 2025 solamente per quegli immobili che siano stati oggetto di terremoti, dal 2009 in poi.

Inoltre la cessione del credito e lo sconto in fattura si potrà richiedere solamente se la Cilas (Comunicazione inizio lavori Superbonus) sia stata presentata entro lo scorso 17 febbraio 2023.

Superbonus tra scadenze e cantieri da consegnare: Foto e immagini: