Bonus prima casa 2024: cos’è e come fare domanda

Autore:
Laura Scarpellini

Bonus prima casa che vuole essere un sostegno fiscale estremamente efficace, quando si intende procedere all’acquisto della propria abitazione. In un periodo in cui gli italiani stanno cercando di contrarre più possibile ogni genere di spese, riuscire ad agguantare un’agevolazione fiscale, risulta essere davvero un gran vantaggio. Cerchiamo quindi di andare a fare un po’ di chiarezza, su quale sia la  principale caratteristica del beneficio fiscale, e quelli che sono i requisiti necessari per poterne usufruire per l’anno 2024.

Galleria foto ed immagini

Bonus prima casa 2024: cos’è e come fare domanda
Photo by Skitterphoto – Pixabay

Bonus prima casa 2024: di cosa si tratta?

Dopo aver assistito alla cessazione di vari bonus edilizi con l’avvento del 2024, diamo uno sguardo più attento all’agevolazione fiscale istituzionale, che invece ritroveremo anche nel prossimo anno.

Il bonus prima casa di fatto permetterà di poter andare ad usufruire di determinati sgravi fiscali, relativi alle imposte catastali, di registro e a quelle ipotecarie, da versarsi in relazione all’acquisto dell’abitazione primaria. Bisogna precisare che tale beneficio non potrà essere applicato su tutte le tipologie immobiliari, e tantomeno essere alla portata di tutti.

Bonus prima casa 2024: cos’è e come fare domanda
Photo by martaposemuckel – Pixabay

Quali sono le categorie di immobili interessate dal bonus

Il Bonus prima casa 2024 è stato stabilito che potrà includere solamente determinate categorie di abitazioni, lasciando ad esempio fuori gli immobili di lusso. Ecco quindi il beneficio fiscale potrà perfezionarsi solo in caso di acquisto della prima casa che risulta facente parte delle seguenti categorie catastali:

  • A/2, abitazioni di tipo civile;
  • A/3, abitazioni di tipo economico;
  • A/4, abitazioni di tipo popolare;
  • A/5, abitazione di tipo ultra popolare;
  • A/6, abitazione di tipo rurale;
  • A/7, abitazioni in villini;
  • A/11, abitazioni e alloggi tipici dei luoghi.
Bonus prima casa 2024: cos’è e come fare domanda
Photo by geralt – Pixabay

Quali sono i requisiti necessari per il Bonus casa 2024

Per poter beneficiare del Bonus casa 2024, bisognerà essere in possesso di determinate caratteristiche.

L’accesso infatti richiede di avere precisi requisiti, per poterne usufruire, da parte di colui che acquista l’immobile. Ad esempio non bisognerà essere già in possesso di altre abitazioni nel nostro Paese, che abbiano già beneficiato di sgravi fiscali.

Eventualmente il godimento del bonus si potrà perfezionare, solamente se si provvederà entro un anno, alla vendita dell’immobile precedentemente acquistato. Altro requisito necessario sarà quello di essere residente nel Comune dove è locato l’immobile oggetto del bonus casa, o provvedere entro 18 mesi al trasferimento di residenza.

Non essere in possesso di altre unità immobiliari già presenti nello stesso Comune dove si trova l’immobile da acquisire, è un’altra specifica da possedere per accedere al bonus.

Quanto si risparmia sulle imposte

Come abbiamo già evidenziato, grazie a tale beneficio fiscale si può andare a risparmiare sulle imposte. Pertanto nell’eventualità che si acquisti da privati o da imprese, che operino in esenzione IVA, l’imposta di registro pari al 9 per cento, passerà al 2 per cento.

Per quanto riguarda invece le imposte catastali, queste saranno di importo pari a 50 euro ciascuna. Nel caso invece che la vendita immobiliare sia soggetta a IVA, l’aliquota da applicarsi passerà dal 10 %, al 4%. Mentre per quanto riguarda le imposte catastali, queste saranno fissate a 200 euro.

Bonus casa 2024,  per un nuovo progetto di vita: foto gallery