Bonus letti 2022: come funziona, come pagare, FAQ

Elisabetta Coni
  • Perito per il turismo

Detrazione del 50% per del prezzo di acquisto del letto, irrinunciabile elemento d’arredo della zona notte e che è compreso nel Bonus Mobili e Grandi Elettrodomestici 2022. Bonus letti 2022: come funziona, come pagare, FAQ su curiosità, su quale documentazione presentare, modalità di richiesta e a chi spetta questa agevolazione.

Bonus letti 2022: come funziona, come pagare, FAQ

Bonus letti 2022: che cos’è

Bonus letti 2022: come funziona, come pagare, FAQ

Volete dare aria nuova alla vostra camera da letto? Siete stanchi di dormire in un letto con rete a molle e volete acquistare un elemento d’arredo moderno, magari con sistema contenitore? Potete farlo e pure acquisendo il diritto a un’agevolazione fiscale, grazie al Bonus letti 2022.

Si tratta di una detrazione Irpef al 50 % del prezzo di acquisto, in quanto il letto è uno dei diversi arredi compresi nel Bonus Mobili e Grandi Elettrodomestici 2022. Quindi, si può usufruire di questa possibilità qualora siate in piena ristrutturazione edile.

Come funziona il Bonus letti 2022

Bonus letti 2022: come funziona, come pagare, FAQ

Questo bonus fiscale consiste nella detrazione degli importi versabili al Fisco, cosa che avviene normalmente quando si deve fare la dichiarazione dei redditi. Questa importante agevolazione è stata confermata dal Governo anche per tutto l’anno solare 2022, alle stesse condizioni già note. Una manna per i contribuenti che ne possono e che vogliono approfittarne.

Le condizioni imprescindibili e quindi obbligatorie per il Bonus letti 2022 e per tutti i mobili e gli elettrodomestici compresi nel Bonus relativo sono due: mobilio ed elettrodomestici devono essere nuovi e destinati all’arredo di immobili ristrutturati. Inoltre, sono comprese anche le spese di trasporto e di montaggio.

Bonus letti 2022: condizioni da rispettare

Bonus letti 2022: come funziona, come pagare, FAQ

Per avere il Bonus letti 2022 occorre che i lavori in appartamento, mansarda, villetta o villa siano di tipo straordinario, ovvero:

  • realizzare opere destinate al restauro e risanamento conservativo;
  • quando si ristruttura un appartamento;
  • ricostruire o ripristinare un immobile danneggiato da eventi calamitosi, se è stato dichiarato lo stato di emergenza.

Mentre, per interventi tipo tinteggiatura di pareti, sostituzione di pavimenti o infissi esterni, non è previsto il Bonus letti 2022.

Potrebbe interessarti Sisma bonus case antisismiche 2022

Bonus letti 2022: durata e tempistiche

Bonus letti 2022: come funziona, come pagare, FAQ

Il Bonus letti sarà in vigore per tutto l’anno solare 2022, dal 1° gennaio al 31 dicembre compresi. Attenzione al periodo dei lavori, in quanto seguono l’intervento edilizio relativo.

Se i lavori sono iniziati ed effettuati nell’anno precedente a quello dell’acquisto dei mobili e poi regolarmente proseguiti nell’anno in corso, il limite di spesa viene considerato al netto delle spese sostenute nell’anno precedente per le quali si è usufruito della detrazione. Fate attenzione perché è un aspetto da prendere in considerazione e tenere presente.

Detrazione Bonus letti 2022

Bonus letti 2022: come funziona, come pagare, FAQ

L’importo del Bonus Letti 2022 viene calcolato su un massimo di spesa pari a 10mila Euro nell’anno 2022 e di 5mila Euro per gli anni 2023 e 2024. La somma sarà complessiva per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici nel corso dell’anno solare, se si aderisce ai requisiti.

Tale detrazione verrà ripartita in 10 quote annuali di pari importo. Attenzione, perché i relativi limiti sono fissati riferendosi a unità immobiliare e relative pertinenze, non a persona. Pertanto, se avete altri immobili da ristrutturare e volete usufruire di questa detrazione, avrete diritto a più di un bonus.

Bonus letti 2022: come pagare

Bonus letti 2022: come funziona, come pagare, FAQ

Le modalità di pagamento per aver diritto al Bonus sono due e quindi:

  1. Bonifico bancario o postale indicante causale del versamento, codice fiscale del beneficiario della detrazione e numero di partita IVA o codice fiscale del destinatario del bonifico;
  2. Carte di credito o carte di debito. In questo caso, farà fede il giorno di utilizzo della carta stessa e non il giorno dell’addebito in conto corrente.

Bonus letti 2022: come richiederlo

Bonus letti 2022: come funziona, come pagare, FAQ

Questa detrazione si richiede al momento della detrazione dei redditi. Dovete allegare e conservare le relative fatture di acquisto, lo scontrino fiscale o la ricevuta del bonifico bancario, completi delle loro parti.

Dovete inoltre essere in possesso della comunicazione richiesta al Comune in cui è situato l’immobile per l’avvio della ristrutturazione o di un titolo abilitativo comunale che attesta la data di inizio lavori, o ancora la dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà.

Bonus letti 2022: FAQ

Bonus letti 2022: come funziona, come pagare, FAQ

Questo bonus è cumulabile con altre agevolazioni?

Il Bonus letti 2022 è cumulabile col Bonus Ristrutturazioni 2022. In ogni caso, la data di inizio e fine lavori deve essere antecedente a quella di acquisto.

Quando devo pagare il letto?

Sicuramente è un dilemma legittimo: bisogna saldare il conto del letto prima o dopo aver pagato l’impresa di ristrutturazione? In questo caso specifico, le tempistiche relative al pagamento non condizionano l’approvazione dell’agevolazione.

Si può ottenere il bonus letti 2022 acquistando a rate?

Anche in questo caso, la detrazione è ammessa ma a delle condizioni. La società finanziatrice deve effettuare il pagamento della merce mediante bonifico bancario o carta di credito e l’acquirente deve avere una copia della ricevuta di pagamento. Non è ammesso il pagamento in contanti o con assegno bancario in ogni caso.

Bonus letti 2022: per quanto conservare la documentazione?

Non c’è l’obbligo, ma per evitare disguidi, è sempre consigliabile conservare la documentazione. Ci possono essere dei controlli successivi da parte dell’Agenzia delle Entrate possano insorgere delle incongruenze. Tenete tutti i relativi documenti a portata di mano fino al decimo anno, quando scadrà il beneficio fiscale.

Quali tipi di letto sono previsti nel bonus?

Il Bonus letti è previsto per ogni tipo di letto. Stile, colore, grandezza, materiale e altre opzioni disponibili sono ininfluenti. L’unico obbligo è che sia un letto nuovo. Non potete acquistare da mercatini dell’usato, usare pezzi di antiquariato o acquistare da privati.

Si può cedere il credito del Bonus Letti 2022?

La cessione del credito non è ammessa, perché non è uno dei lavori previsti per questa opzione. Non si cede a familiari, terzi e affini, né per decesso e né per cessione dell’immobile.

Bonus letti 2022 senza ristrutturazione

Bonus letti 2022: come funziona, come pagare, FAQ

Facciamo chiarezza: l’Agenzia delle Entrate usa il termine “ristrutturazione” nelle sue normative, ma il Bonus Letti 2022 può essere richiesto anche per lavori di straordinaria manutenzione. In questo caso, è prevista l’aggiunta del Bonus Mobili ed Elettrodomestici 2022 qualora si rispettino i requisiti richiesti e si attuano dei lavori specifici.

Sono considerati interventi di manutenzione straordinaria le opere e le modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti strutturali e non di edifici e per realizzare ed integrare i servizi igienico/sanitari e tecnologici. L’importante è che essi non modifichino la volumetria degli edifici, né si muti la destinazione d’uso.

I lavori classificati come straordinaria manutenzione, validi per immobili singoli e per condomini, sono i seguenti:

  • installare ascensori e scale di sicurezza;
  • realizzare servizi igienici;
  • sostituire infissi esterni modificando materiale o tipo di infisso;
  • rifare scale e rampe;
  • realizzare recinzioni, muri di cinta e cancellate;
  • costruire scale interne;
  • sostituire tramezzi interni senza alterare il tipo dell’unità immobiliare.

Ricordiamo che sono lavori di manutenzione straordinaria anche:

  • interventi finalizzati all’utilizzo di fonti rinnovabili di energia,
  • installare o integrare un impianto di climatizzazione invernale ed estiva a pompa di calore
  • sostituire la caldaia come intervento diretto per sostituire una componente essenziale dell’impianto di riscaldamento.

Per queste opere, sarà sufficiente la dichiarazione sostitutiva in cui indicare le informazioni di base (dati anagrafici, estremi catastali dell’immobile, data di inizio lavori, ecc.). Potete approfittare per rinnovare la camera da letto e acquistare il giaciglio dei vostri sogni!