Termosifoni e riduzione delle temperature: controlli in vista?

Patrizia Maimone
  • Dott. in Informatica
23/10/2022

Per combattere il caro energia e, in generale, il periodo di crisi che stiamo vivendo a livello globale, è arrivata una vera e propria stretta sui termosifoni e sul loro utilizzo. Le temperature, in particolare, saranno diverse rispetto agli anni scorsi. Attenzione, poi: potrebbero scattare controlli per verificare le irregolarità. Scopriamone di più!

Termosifoni e riduzione delle temperature: controlli in vista?
Regolare la temperatura del termosifone

La riduzione della temperatura dei termosifoni è stata decisa dal Governo mediante apposito Decreto. Si parla, in particolare, di 1 grado in meno sia per le abitazioni che per i luoghi di lavoro. A prescindere dalle date di accensione dell’impianto di riscaldamento (decise in base alla suddivisione del Paese in diverse fasce climatiche), una cosa è certa: tutti dovranno rispettare quanto stabilito.

Detto questo e chiarito l’obbligo di attenersi al Decreto, sono in molti, allo stato attuale, a chiedersi se ci saranno dei controlli per verificare l’eventuale inosservanza e chi sarà preposto ad effettuarli. Le verifiche, a quanto pare, dovrebbero essere fatte e saranno affidate a tutti coloro che hanno la qualifica per rilasciare l’attestato di certificazione energetica.

A livello pratico, invece, appare ancora oggi molto difficile che si riusciranno ad effettuare i dovuti controlli specie quando ci si trova dinnanzi a riscaldamenti autonomi. Il successo dell’iniziativa e il rispetto del Decreto, quindi, pare verrà affidato più che altro alla responsabilità individuale di ognuno sperando che questo basti per giungere ad una buona riduzione dei consumi.