Tempo di risparmi: le app che li mettono in pericolo, cancellale subito!

Autore:
Patrizia Maimone
  • Dott. in Informatica
12/12/2022

Recenti indagini hanno svelato la pericolosità di diverse applicazioni presenti sul Play Store che, mediante l’installazione di virus sugli smartphone infetti, erano in grado di truffare milioni di persone. Scopriamo l’elenco completo e come comportarci!

Tempo di risparmi: le app che li mettono in pericolo, cancellale subito!
Applicazioni smartphone

Sono milioni gli utenti caduti in trappola a causa di alcuni virus nascosti all’interno di diverse applicazioni presenti su Play Store. È quanto emerso da uno degli ultimi report di McAfee che ha individuato diverse app dannose contenenti adware, ovvero software che struttano i dispositivi che sono riusciti ad infettare per attuare truffe a danno di, spesso, ignari utilizzatori. I dati, tra l’altro, sono molto allarmanti dal momento che parrebbero essere circa 20 milioni i download effettuati di cui la metà solo per una di queste applicazioni.

Ovviamente, i nomi delle applicazioni incriminate sono stati resi noti in modo che chi le ha installate possa esserne al corrente e prendere i giusti provvedimenti. Sono diverse le categorie interessate: utility per la gestione dello smartphone, app per le foto, per la modifica delle immagini, lettori QR e chi più ne ha più ne metta. Non è complicato, quindi, comprendere perché il fenomeno stia interessando una platea così numerosa di utenti.

Le app in questione sono le seguenti:

  • High Speed Camera;
  • Smart Task Manager;
  • FlashLight;
  • FlashLight Plus;
  • Calcolatrice (lingua coreana);
  • Torcia elettrica (lingua coreana);
  • Ez Notes;
  • Bocco Note (lingua coreana);
  • K-Dictionary;
  • Quick Note;
  • Instagram Profile Downloader;
  • Joy Code;
  • Currency Converter.

Google ha già provveduto ad eliminarle definitivamente dal Play Store quindi non è possibile, per nuovi utenti, installarle inconsapevolmente e correre grandi rischi in termini di sicurezza. Chi l’ha installate, invece, potrebbe non trovarle più dal momento che grazie al Google Play Protect le app ritenute dannose da Big G vengono automaticamente rimosse dagli smartphone su cui sono state installate.