Televisore: come si prendono le misure?

Patrizia Maimone
  • Dott. in Informatica
26/10/2022

Prima di acquistare un televisore è indispensabile conoscerne le dimensioni. Solo in questo modo, infatti, si comprenderà se quel dato modello è perfetto per noi oppure è più conveniente orientarci su uno più grande o più piccolo. Ma come si prendono queste misure? Cosa sono i pollici e a quanti centimetri corrispondono? Facciamo chiarezza!

Televisore: come si prendono le misure?
Prendere le misure del televisore

Le dimensioni del televisore sono indicate, da sempre, in pollici. Spesso, però, non è semplice barcamenarsi tra tutti questi numeri ed è quindi importante riuscire ad effettuare una semplice conversione da pollici in centimetri per rendersi conto delle effettive dimensioni dell’elettrodomestico. Ricordiamo sempre che le dimensioni del display del televisore sono prese in diagonale prendendo in considerazione la distanza che intercorre tra l’angolo in basso a destra e quello in alto a sinistra.

Sapendo quant’è grande un televisore si sarà in grado di stabilire il suo ingombro e comprendere se quel determinato modello è adatto, o meno, a noi e agli spazi a nostra disposizione. A quanti centimetri corrisponde un pollice? Esattamente a 2,54 cm. Ecco, quindi, che un TV da 32 pollici sarà largo 73 cm e alto 42 cm, uno da 40 pollici sarà laro 91 cm e alto 52 cm, uno da 43 pollici sarà largo 97 cm e alto 56 cm.

I televisori più grandi, come quelli da 90 e 98 pollici saranno larghi rispettivamente 202 e 219 cm mentre saranno alti 114 e 124 cm. Appare evidente, a questo punto, che riuscire ad effettuare la conversione da pollici a centimetri è di fondamentale importanza per la scelta del nuovo televisore. Scegliere il modello sbagliato significherebbe avere problemi sia nella sua collocazione che nel modo di guardarlo (è indispensabile rispettare una distanza di sicurezza per una visione ottimale).