Stufa elettrica, è una alternativa sostenibile al gas?

Elisabetta Coni
  • Perito per il turismo
24/10/2022

Può una stufa elettrica essere una alternativa sostenibile al gas dal punto di vista dei costi? Analizziamo nel dettaglio vantaggi e svantaggi. 

Stufa elettrica, è una alternativa sostenibile al gas?
Gatto davanti a stufa elettrica

Con l’avvento dei rincari energia di gas e luce, le prospettive future delle bollette sono decisamente poco rosee. Le temperature inizieranno ad abbassarsi e le persone si stanno preparando per affrontare le fredde giornate invernali. Con i costi dell’elettricità alle stelle, le stufe elettriche a basso consumo sono le più gettonate come soluzione alternativa per scaldare la casa risparmiando in bolletta. Senza accendere il riscaldamento vero e proprio a gas. Infatti, con essa si può asciugare il bucato o combattere l’umidità autunnale. Ma conviene davvero? 

La convenienza dipende dal tipo di modello di stufa da scegliere. Intanto, chiedetevi dove verrà collocata e quanto spesso verrà usata. Non soffermatevi su offerte e promozioni all’apparenza vantaggiose, ma che poi si pagano in bolletta. Intanto, se avete un piccolo spazio da riscaldare come ufficio e bagno, sono l’ideale. Tuttavia, bisogna tenere presente che non vanno a sostituire un vero e proprio impianto di riscaldamento.

Inoltre, è da considerare che comporta l’aumento dei costi in bolletta se non è a basso consumo. Ad esempio, dispositivi con tecnologia a infrarossi e trasmissione del calore per irraggiamento, oppure stufe elettriche con lampade alogene a bassa potenza e tecnologie più efficienti per il risparmio energetico. Ma tutto dipende dalla sua potenza: dai 2ooo ai 3000 Watt è 2 kWh, accesa per due ore arriverà a consumare 4 kWh.

I costi incidono anche a seconda dell’efficienza energetica e alla sostenibilità. Infatti, se per ottenere 4 kWh termici, una stufetta elettrica consuma 4 kWh di energia elettrica, essa ha una efficienza pari alla metà di quella di una caldaia a gas, ma è normale in quanto progettata per essere usata nei brevi periodi.

Per ridurre il consumo di energia elettrica è importante scegliere una stufa elettrica ad alta efficienza e con un consumo energetico ridotto. Ma è anche vero che bisogna avere un contratto luce conveniente, magari dotata di sistemi di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. Solo così le stufe elettriche diventano più convenienti del gas.