Scrivere sui muri di casa: la nuova idea che fa tendenza

Patrizia Maimone
  • Dott. in Informatica
26/10/2022

Scrivere sui muri di casa, come si faceva da bambini, adesso sembra proprio essere diventata una tendenza del momento in termini di arredamento. Uno stile che sa di innovazione e che, in base agli ultimi report, sembra destinato ad essere tra i più apprezzati anche nel 2023. Scopriamone di più!

Scrivere sui muri di casa: la nuova idea che fa tendenza
Muro di casa scritto a mano

Scrivere sui muri di casa è una moda che, ormai, fa tendenza. Se da piccoli siamo stati sgridati quando lo facevamo, oggi il lettering (così si chiama questo stile) si sta facendo sentire in maniera molto forte tra gli appassionati. Ne deriva una casa senza dubbio originale con lettere da realizzare con il fai da te, in maniera creativa e fantasiosa o, se lo si vuole, con l’aiuto di un tipografo.

Scrivere sui muri di casa è possibile in una varietà di modi praticamente infinita. Tra i principali indubbiamente quello di utilizzare lettere adesive o al neon. Le lettere dovranno essere, naturalmente, scelte ad hoc per formare la parola o la frase che vogliamo scrivere sul muro, con la facoltà di posizionarle come meglio ci aggrada. Nel 90% dei casi, le parole che si sceglie di scrivere sono quelle che evocano sentimenti e pensieri positivi. Non è un caso se, tra le più scelte, troviamo parole come “Relax”, “Love”, “Home Swee Home” o “Welcome”.

In alternativa è possibile disegnare direttamente le lettere sui muri. In questo caso bisogna avere un po’ di doti artistiche ma i risultati, alla fine, saranno davvero stupefacenti. Che dire, poi, di chi preferisce scrivere con le lettere all’interno di quadri? O, ancora, di chi sceglie di “aiutarsi” con una classica lavagna? Oggi come oggi esiste anche la carta da parati con lettere, perfetta quando si desidera ricoprire di lettere la parete ma lo si vuole fare in maniera semplice e, forse, più veloce. Anche scrivere sui mobili sta diventando una tendenza sempre più di moda. Il consiglio, comunque, è unico: meglio non esagerare per non sovraccaricare l’ambiente!