Prezzi delle case in aumento, meglio comprare o vendere?

Elisabetta Coni
  • Perito per il turismo
09/10/2022

Le abitazioni dislocate in zone di pregio o centralissime salgono di valore a causa della forte richiesta e a nuove necessità dettate dalla pandemia, soprattutto nelle grandi città. Meglio comprare o vendere in questo particolare momento storico? Gli ultimi dati parlano chiaro!

Prezzi delle case in aumento, meglio comprare o vendere?
Casa, planimetria e soldi

Si evidenzia una forte crescita del prezzo delle case. Gli immobili aumentano di valore, nonostante la situazione geopolitica internazionale. Ma attenzione, solo nelle fasce qualitative dal centro alla periferia. Le zone di pregio e centralissime costano di più, e questo è un dato di fatto da sempre. Ma quelle che mostrano caratteristiche tali da soddisfare anche la clientela più esigente sono particolarmente costose. Stesso destino per le abitazioni semicentrali e periferiche. In particolare, si è disposti a spendere, anche cifre astronomiche, per un attico rispetto a un appartamento standard. Significa che tra i due, paradossalmente, si potrebbe vendere l’abitazione prestigiosa molto prima, rispetto ai piani più bassi.

Perché questa tendenza? Nonostante tutto, pare che la sosta forzata dettata dalla pandemia di Covid-19 abbia dato vita a un risparmio forzato di 3 anni, quindi più liquidità. In più, il Covid-19 ha cambiato radicalmente le esigenze abitative: le nuove necessità sono spazio in più, terrazzi abitabili, verde dentro e fuori casa, zona ben servita dai servizi e di qualità eccellente. Secondo i dati ISTAT, Milano è al primo posto sull’aumento dei prezzi con un +8,3% per le abitazioni usate e un +16,9% su quelle nuove centrali e semicentrali. A Firenze è ambita la periferia con rialzi del 10% al mq. A Napoli, fortissima crescita dei prezzi in centro e periferia. Venezia va a rilento, visti i ridotti flussi turistici e la zona non proprio facile da vivere. Roma e Torino confermano il trend di crescita.

Ma la domanda ora sorge spontanea: cosa fare, vendere o comprare? Di sicuro i prezzi alti e i tassi della BCE mettono i bastoni tra le ruote al segmento compravendita visto che anche i mutui hanno subìto rincari e soprattutto restrizioni dettate dalle banche per la loro erogazione. Senza dimenticare anche il caro bollette e il caro vita. Chi vende è chi ha comprato quando i prezzi erano più bassi, ma non conviene la permuta visto che troverà prezzi alti. A meno che l’immobile non sia ubicato in zona di pregio o sia di medie o grosse dimensioni. Mentre chi compra e vorrebbe risparmiare, può accontentarsi e orientarsi verso la periferia e i piccoli centri.