Lotta alle cimici: sbarazzatene con un solo ingrediente

Elisabetta Coni
  • Perito per il turismo
27/10/2022

Dite addio a cimici, afidi e cocciniglie con un solo ingrediente che serve per creare da zero un insetticida naturale efficace per scacciare gli insetti molesti. 

Lotta alle cimici: sbarazzatene con un solo ingrediente
cimice verde su una pianta

Autunno, periodo delle cimici. Non c’è niente da fare, entrano in casa dalle fessure o attraverso i panni stesi. O ancora, si annidano sul soffitto o addirittura si nascondono benissimo. Non sono insetti pericolosi, ma quando si sentono minacciati spruzzano una sostanza dall’odore sgradevole che non è il massimo da ritrovarsi in tessuti, arredo e addosso. Inoltre, il loro volare è molesto. Possiamo installare zanzariere protettive, ma il bucato è il primo veicolo con cui questo insetto entra in casa. Ricordatevi di scuoterlo prima di ritirarlo, altrimenti ci sarà l’invasione.

Purtroppo, l’autunno predispone che in massa questi insetti possano arrivare nei pressi di casa nostra. L’unica è rendere l’ambiente inospitale per questi insetti, creando da zero un insetticida naturale che in realtà non le uccide, bensì le allontana.

Questo repellente si ottiene dal sapone molle di potassio. Diventato virale sui social per il fatto che è morbido e versatile, si usa per le pulizie di casa. Composto da sale potassico, acqua, glicerina e olio vegetale, risulta  completamente biodegradabile e non inquinante.

Basta solamente prendere un pezzo di sapone e scioglierlo in acqua tiepida, basteranno dai 12 ai 15 grammi di sapone per ogni litro di acqua. Si versa la soluzione ottenuta in un nebulizzatore e si vaporizza in prossimità di finestre e balconi.

Siate generosi su tende, tapparelle e persiane. Si creerà una sorta di barriera che di fatto impedirà alle cimici di entrare in casa, senza dover ricorrere a insetticidi chimici. Essendo naturale, è adatto anche per essere spruzzato sulle piante da giardino come protezione da parassiti, afidi e altri piccoli insetti. Basta vaporizzare il tutto sulle foglie e il gioco è fatto, senza inquinare l’ambiente.