Forno a microonde, attenzione a non scaldare mai questi cibi

Autore:
Patrizia Maimone
  • Dott. in Informatica
15/12/2022

Il forno a microonde è un elettrodomestico per molti irrinunciabile grazie alla sua praticità d’uso e alla velocità con la quale riesce a riscaldare e scongelare i cibi. Non tutti sanno, però, che alcuni cibi non sono compatibili con la cottura a microonde e che, anzi, cucinarli così è un errore anche molto pericoloso. Quali sono? Vale sicuramente la pena scoprirlo subito!

Forno a microonde, attenzione a non scaldare mai questi cibi. È pericolosissimo!
forno a microonde impostazioni

Nonostante il forno a microonde sia tra gli elettrodomestici più utilizzati in cucina, è bene essere a conoscenza del fatto che non tutti i cibi sono adatti a questo tipo di cottura. Dimenticarlo potrebbe costare molto caro e diventare, addirittura, pericoloso. Ma quali sono, all’atto pratico, le preparazioni che non tollerano il microonde?

Al primo posto si collocano le uova sode. Sconsigliatissima la cottura in forno a microonde per il semplice fatto che la velocità con cui si muovono le molecole di H2O quando riscaldano non è affatto compatibile con la cottura delle uova. Il rischio concreto è che le uova, cotte in questo modo, possano esplodere da un momento all’altro. Ecco perché è meglio preferire i metodi di cottura tradizionali.

Anche il sugo, contrariamente a ciò che in molti credono, non è riscaldabile nel forno a microonde. La già citata velocità delle molecole d’acqua, infatti, tenderebbe a far schizzare il sugo stesso ovunque andando a sporcare in maniera importante le pareti interne dell’elettrodomestico. L’unica accortezza per poter scaldare il sugo in microonde è quello di coprire il recipiente in cui lo inseriamo.

Terzo ed ultimo cibo da non inserire nel forno a microonde è il peperoncino che potrebbe andare incontro a processi spiacevoli sia per il forno che per la nostra salute. Le bucce tendono a non cuocersi, perché molto resistenti e diverse reazioni chimiche che si producono all’interno potrebbero rendere nocivi i peperoncini se ingeriti. Meglio, anche in questo caso, fidarsi soltanto delle tecniche più tradizionali.