Ferro da stiro: sai quanto consuma esattamente?

Patrizia Maimone
  • Dott. in Informatica
20/11/2022

Il ferro da stiro è ritenuto uno degli elettrodomestici più energivori in assoluto ed è per questo che viene visto con una certa paura. Il caro bollette, infatti, incombe su di noi e i costi sempre più elevati dell’energia tendono a farne diminuire l’utilizzo. Ma cosa c’è di vero? Quanto consuma esattamente il tuo ferro da stiro in un anno? Scopriamolo!

Ferro da stiro: sai quanto consuma esattamente?
Ferro da stiro in funzione

Di certo è successo anche a te di chiederti quanto l’uso del ferro da stiro incida sulla tua bolletta elettrica e quale sia il consumo effettivo di questo elettrodomestico, per certi versi irrinunciabile. La risposta non è purtroppo univoca perché dipende da diversi fattori come la temperatura di utilizzo impostata o l’utilizzo (o meno) della funzione vapore.

I modelli più comuni, quelli più compatti, hanno in media una potenza compresa tra 2.000 e 2.600 Watt che scendono a valori tra 1.800 e 2.400 Watt per i modelli a caldaia. Mediamente, comunque, un ferro da stiro ha una potenza che oscilla tra i 2.000 e i 2.200 Watt. Ricordiamo che il massimo del consumo si ha nel momento in cui l’elettrodomestico deve raggiungere la temperatura impostata: una volta raggiunta, infatti, il consumo è ridotto.

Per calcolare quanta energia consuma il ferro da stiro in un’ora è necessario moltiplicare la potenza massima per un’ora. Un modello da 2.200 Watt, quindi, consumerà 2,2 kWh. Moltiplicando, di nuovo, questo valore per quello del costo dell’energia previsto dal tuo fornitore otterrai il consumo.

Bisogno di un esempio pratico? Supponiamo di avere un costo dell’energia pari a 0,4 € per ogni kWh consumato. Spenderemo poco più di 0,80 € per un’ora di utilizzo di un modello da 2.200 Watt. Considerato un utilizzo di circa 2 ore alla settimana, spenderemo poco meno di 6,50 € al mese, ovvero circa 78 € annui.