Bevi acqua in bottiglia? Ecco quanta plastica ingerisci ogni giorno!

Autore:
Elisa Cardelli Ceroni
  • Autore - Laurea in Semiotica

L’acqua delle bottigliette contiene un gran numero di piccolissime particelle di plastica e questo di certo mette a rischio la salute di chi la beve.

Bevi acqua in bottiglia? Ecco quanta plastica ingerisci ogni giorno!
Photo by PublicDomainPictures – Pixabay

Un recente studio ha evidenziato quanto l’acqua in bottiglia sia dannosa per la salute di chi la beve. In un solo litro di questa acqua, infatti, sono contenute quasi un quarto di milione di minuscoli pezzi di micro e nanoplastiche. Invisibili all’occhio umano, queste sostanze risultano essere un problema da non sottovalutare dal momento che sono in quantità ben maggiore rispetto a quanto si pensava.

Lo studio

Bevi acqua in bottiglia? Ecco quanta plastica ingerisci ogni giorno!
Photo by Hans – Pixabay

Lo studio realizzato dai ricercatori di università degli Stati Uniti quali la Columbia e Rutgers hanno esaminato un gran numero di campioni delle principali tre acque degli USA per arrivare alla conclusione che queste non sono per nulla sane.

Gli esperti hanno compreso che i livelli di particelle di plastica va da 110mila a 400mila per litro, una quantità davvero enorme e parecchio preoccupante. Pubblicata nei Proceedings of the National Academy of Sciences, si tratta di una ricerca che dimostra quanto nell’acqua in bottiglia ci siano fino a 100 volte più nanoplastiche rispetto a microplastiche.

La maggior parte di queste sostanze sembrano arrivare dalla stessa plastica della bottiglia e dal filtro a membrana a osmosi inversa che si usa per evitare che gli agenti contaminanti entrino nelle bottiglie. Questo risultato è emerso dall’analisi di tantissimi campioni delle acque statunitensi.

Nanoplastiche: cosa sono?

Le nanoplastiche sono delle particelle di piccolissime dimensioni che si misurano infatti in micron. Tenendo in considerazione che un cappello umano ha in genere una larghezza di 83 micron, si comprende quanto queste sostanze plastiche siano davvero invisibili agli occhi. Non a caso, infatti, per individuarle, gli studiosi hanno dovuto utilizzare un microscopio a doppio laser.

Le piccole particelle di plastica sono ormai ovunque, infatti anche nei ghiacciai italiani sono presenti tantissime microplastiche.

Quanto sono dannose per la salute?

Lo studio ha fatto emergere la presenza di molte nanoplastiche nelle bottiglie d’acqua, ma ancora non si è davvero compreso quanto sono pericolose per la salute. Phoebe Stapleton, tossicologa della Rutgers e autrice dello studio, ha spiegato che si sta attualmente studiando la pericolosità delle nanoplastiche. L’esperta ha svelato che

Non sappiamo se e quanto siano pericolosi. Sappiamo che entrano nei tessuti e la ricerca attuale sta esaminando cosa fanno nelle cellule.

L’associazione internazionale dell’acqua in bottiglia ha fatto sapere che

Attualmente mancano sia metodi (di misurazione) standardizzati sia un consenso scientifico sui potenziali impatti sulla salute delle particelle di nano e microplastica. Pertanto, le notizie riportate dai media sulla presenza di queste particelle nell’acqua potabile non fanno altro che spaventare inutilmente i consumatori.