Come pulire le fughe del pavimento: alcuni consigli

Le fughe tra le piastrelle sono lo spazio dove si annida più sporco. Se non vengono pulite posso diventare molto scure e fornire subito un’immagine di trascuratezza all’ambiente. Per questo motivo è molto importante sapere come far risplendere i pavimenti. Vuoi sapere come si possono pulire correttamente le fughe delle piastrelle? Scopri i consigli.

fughe-pavimenti-03

Il pavimento è sicuramente una delle superfici della casa più vissute. Inoltre questa componente è un vero biglietto da visita per gli ospiti che entrano in casa. Ogni giorno infatti piastrelle, parquet e laminati vengono calpestati da amici, parenti e abitanti della casa e per questo è importante mantenerli sempre puliti e disinfettati.

La pulizia quotidiana delle piastrelle può essere molto importante ma non abbastanza affinché non si crei lo sporco. Esistono molti metodi per pulire le fughe delle piastrelle, ottenendo un risultato ottimo. Scoprili ora e non rinunciare a un pavimento pulito e igienizzato.

fughe-pavimento

Olio di gomito

Il primo mezzo per pulire le fughe delle piastrelle è forse il più scontato: il cosiddetto olio di gomito! Lavare il pavimento non è piacevole, soprattutto le fughe, in quanto bisogna trascorrere molto tempo in ginocchio. Inoltre lo sporco è spesso ostinato e richiede insistenza e particolare cura del dettaglio.


Leggi anche: Prezzi mosaico

Quando ci si prepara a pulire le fughe delle piastrelle bisogna quindi aspettarsi un lavoro difficile e faticoso. Spesso è consigliato utilizzare una spazzola di piccole dimensioni per pulire ancora più in profondità eliminando gli accumuli e i residui di sporco.

Inoltre può essere necessario fare un piccolo test su un pezzo di piastrella in modo da comprendere subito se il metodo scelto è efficiente e in grado di eliminare lo sporco ostinato.

fughe-pavimenti-02

Bicarbonato

Il bicarbonato viene utilizzato in cucina e nella pulizia. Questa sostanza è in grado di eliminare lo sporco più ostinato e per questo può essere considerato con il “jolly” nelle pulizie della casa.

Tra i modi per pulire le fughe delle piastrelle, il bicarbonato è sicuramente uno dei più infallibili. È consigliabile utilizzare questo prodotto diluito nell’acqua, solitamente la proporzione è su 500 ml di acqua circa 50 gr di bicarbonato. Per rendere ancora più facile l’applicazione può essere utile inserirlo in uno spruzzino.

Solitamente si spruzza, si lascia agire per circa 20 minuti e poi si sfrega rimuovendo lo sporco. Il bicarbonato può essere utilizzato anche in forma più densa, con un rapporto di 200 ml di acqua e 100 gr di bicarbonato. In questo caso però si creerà una pasta densa e più solida.

fughe-pavimenti-07

Vapore acqueo

Anche il vapore può essere molto utile per pulire casa, viene usato infatti per la pulizia ad esempio di tappezzeria e tende. L’utilizzo di un elettrodomestico specifico, come una scopa a vapore per pavimenti, è utile perchè in questo modo non si utilizzano sostanze chimiche.

Attraverso la sola forza del vapore applicato sulle fughe è possibile rimuovere lo sporco incrostato, ma anche muffa e umidità. L’efficacia di questo metodo fa sì che il vapore venga utilizzato anche per igienizzare materassi e superfici più delicate, come il marmo.


Potrebbe interessarti: Bagno piastrellato: Piastrelle colorate e decorazione bagno idee e consigli

Anche l’acqua bollente è più efficiente, per questo è consigliabile lavare i pavimento con acqua ad alta temperatura. Il caldo scioglie infatti più facilmente lo sporco garantendo un risultato migliore rispetto all’acqua fredda.

fughe-pavimenti-04

Aceto di vino bianco

Così come il bicarbonato, anche l’aceto di vino è un prodotto sempre presente in casa che può aiutare notevolmente con le pulizie. Molte persone allergiche ai detersivi utilizzano infatti l’aceto di vino bianco per lavare i vestiti, in quanto ha un forte potere igienizzante e non si sente l’odore alla fine del lavaggio.

Anche per pulire le fughe viene impiegato l’aceto, in quanto a contatto con lo sporco ha una reazione chimica fortemente sbiancante. Inoltre l’aceto rappresenta una valida alternativa a prodotti chimici ricchi di allergeni.

Anche in questo caso il prodotto si spruzza sulle fughe e si lascia agire per 10 minuti circa.  Dopo questo tempo è possibile pulire il pavimento con acqua o un detersivo non aggressivo.

fughe-pavimenti-05

Acqua ossigenata

Per pulire le fughe delle piastrelle con l’acqua ossigenata è possibile seguire il procedimento del bicarbonato. Senza diluirla, bisogna spruzzare l’acqua ossigenata direttamente sulle piastrelle e lasciare agire per 20 minuti circa.

Dopo questo tempo la sostanza avrà ammorbidito lo sporco e sarà possibile rimuoverlo attraverso una spazzola. In seguito al lavoro di sfregamento delle fughe è possibile infine fare un lavaggio finale del pavimento.

Questo passaggio è sempre consigliato, in quanto permette di rimuovere gli ultimi residui di sporco o di sostanze per la pulizia dal pavimento. Anche in questa fase è consigliabile utilizzare detersivi biologici o poco aggressivi, in particolare in commercio sono disponibili diversi prodotti con certificazioni UE e/o mondiali sugli ingredienti vegetali, la produzione sostenibile o la mancanza di agenti chimici aggressivi.

fughe-pavimento-06

Come pulire le fughe del pavimento: foto e immagini

Francesca Siani
  • Scrittore e Blogger
  • Redattore specializzato in Arredo e Design
Suggerisci una modifica
Commenti Espandi

Lascia una risposta

Accedi per lasciare un commento.