Yogurtiere: tipologie, consigli e soluzioni

Quant’è buono lo yogurt! Amato da grandi e piccoli, è un alimento che non manca mai in frigorifero. E se invece di comprarlo lo facessimo direttamente a casa? Potremmo utilizzare ingredienti davvero sani ed ottenere un risultato ancor più buono del vasetto acquistato al supermercato. Per farlo basta scegliere, tra le yogurtiere in commercio, quella che fa per noi.

Galleria foto ed immagini

Yogurtiere: tipologie, consigli e soluzioni

Proteine, sali minerali, vitamine e non da ultimi gli importantissimi fermenti lattici sono tutti componenti che ritroviamo all’interno dello yogurt. E non è un caso se proprio questo è uno degli alimenti più amati da chi vuole mantenersi in forma. Lo yogurt, difatti, contribuisce al benessere della nostra flora intestinale e ci aiuta, quindi, ad assimilare al meglio tutte le sostanze contenute negli alimenti di cui ci nutriamo.

Sono questi alcuni dei motivi per i quali lo yogurt non manca mai nel carrello della spesa: che sia d’estate o in pieno inverno, poco importa perché questo alimento fa sempre bene! Ecco perché le yogurtiere, speciali elettrodomestici con cui fare lo yogurt direttamente a casa, riscuotono sempre più successo. Il mercato, anzi, è abbastanza vasto e ci permette di scegliere tra diverse tipologie e modelli. Quali sono? Conoscerli è importante per essere certi di acquistare una macchina ideale per le nostre esigenze.

Yogurtiere: tipologie, consigli e soluzioni

Perché lo yogurt ci fa bene

Yogurtiere: tipologie, consigli e soluzioni

Lo yogurt è tra gli alimenti più sani che esistano dal momento che apporta davvero numerosi benefìci al nostro organismo. Un prodotto a base di latte che deve le sue proprietà all’azione dei latto-batteri che, facendo fermentare il latte, lo portano alla consistenza e al gusto tipici degli yogurt. Il tutto deve avvenire, naturalmente, a temperature adeguate. Ecco perché per farlo in casa si ha bisogno delle yogurtiere che sono in grado di garantire la corretta temperatura.

I vantaggi di mangiare yogurt sono molteplici e vale indubbiamente la pena riassumerli:

  • riequilibra la nostra flora intestinale dato che ogni batterio nocivo viene messo al tappeto ed eliminato. Addio, quindi, a dolori all’addome, gonfiore e frequenti episodi di flatulenza;
  • nel caso in cui si sia seguita una cura antibiotica, i probiotici contribuiscono a ridonarci un equilibrio a livello gastrico;
  • rinforza le nostre difese immunitarie;
  • previene le infezioni del tratto intestinale;
  • apporta parte dei minerali e delle vitamine di cui abbiamo bisogno per stare bene;
  • ha una maggiore digeribilità rispetto al latte;
  • migliora l’assorbimento dei nutrienti presenti nella nostra alimentazione.

Yogurtiere: le principali tipologie

Yogurtiere: tipologie, consigli e soluzioni

Lo abbiamo anticipato: il mercato offre una vasta gamma di modelli di yogurtiere tra cui poter scegliere ciò che più si avvicina alle nostre esigenze. Uno dei primi fattori a fare la differenza è rappresentato dalla tipologia. Esistono più che altro due tipi di yogurtiere: a caraffa e a vasetti. Il secondo è ideale se vogliamo preparare yogurt di gusti diversi e se la famiglia è più numerosa. Se siamo da soli, invece, forse il modello a caraffa è più indicato. Vediamoli più da vicino.

La yogurtiera a caraffa è dotata, come facilmente intuibile, di una caraffa che ne rappresenta il vano contenitore. A seconda dei modelli la sua capienza può andare da 1 a 1,5 litri. Tra i vantaggi vi sono il minimo ingombro, il prezzo contenuto e la possibilità di preparare grandi quantità di yogurt. Dall’altro canto, le eventuali porzioni si potranno fare solo al termine della preparazione, non si potrà preparare più di un gusto per volta e non si potrà contare su timer o autospegnimento.

La yogurtiera a vasetti  si differenzia perché composta da diversi vasetti (da circa 150 ml cadauno) il cui numero può variare da un minimo di 6 ad un massimo di 14 per ogni macchina. Questo si traduce nella possibilità di preparare yogurt di più gusti contemporaneamente. I modelli “a vasetti” sono dotati di timer e spegnimento automatico. Costano, però, di più rispetto a quelli “a caraffa” e hanno anche un ingombro superiore.

Yogurtiere: quanto costano e quanto consumano?

Yogurtiere: tipologie, consigli e soluzioni

Veniamo adesso ad un aspetto che ci interessa tutti: quanto costano le yogurtiere sul mercato e quali sono i loro consumi? Facciamo un po’ di chiarezza in merito dato che vale davvero la pena chiarirci le idee.

Acquistare una gelatiera non è un investimento che richiede chissà quale sforzo economico, specie se la nostra scelta ricadrà su un modello a caraffa. In ogni caso, i modelli più economici non costano più di 50 euro. I modelli con vasetti e dotate, ad esempio, di schermo e di caratteristiche più avanzate possono aggirarsi attorno al centinaio di euro.

Per quanto riguarda i consumi e quindi l’impatto delle yogurtiere sulla bolletta elettrica, è bene sapere che questi sono davvero minimi. La potenza è, infatti, di circa 20W (in media), per cui non vi è consumo di elettricità eccessivo. Solo i modelli un po’ più avanzati (come quelli dotati di display) hanno una potenza di circa 30W. Nulla, comunque, di particolarmente costoso a lungo termine.

Yogurtiere: quali sono i vantaggi?

Yogurtiere: tipologie, consigli e soluzioni

Quali sono, a questo punto, i vantaggi di possedere una yogurtiera? I primi partono essenzialmente da quelli legati al fatto di poter fare lo yogurt in casa. Abbiamo già detto come questo prodotto sia molto più salutare rispetto a quello che acquistiamo al supermercato. È, infatti, utile per la nostra flora intestinale, per rinforzare le difese immunitarie dell’organismo o per migliorare l’assorbimento dei nutrienti provenienti dall’alimentazione.

Per il resto, con una gelatiera potremo:

  • autoprodurre il nostro yogurt con la consapevolezza di farlo in maniera davvero sana e sicura sia per noi che per coloro che amiamo;
  • utilizzare ingredienti genuini e non prevedere l’utilizzo di alcun additivo o conservante;
  • fare yogurt dei nostri gusti preferiti scegliendo di utilizzare la frutta, le marmellate, la cioccolata o il caffè;
  • risparmiare. Eh sì! Lo yogurt fatto in casa è più economico rispetto a quello industriale. Il costo delle materie prime da utilizzare renderà più conveniente 1 Kg di prodotto casalingo piuttosto che 1 Kg acquistato al supermercato;
  • utilizzarla facilmente. Le yogurtiere, infatti, funzionano in maniera molto più semplice ed intuitiva di quanto possiamo immaginare;
  • Approfittare di bassi consumi. Tutti i modelli hanno consumi che arrivano, al massimo, a 30W e non impattano, quindi, sulla bolletta elettrica;
  • spendere poco. I modelli più semplici si possono acquistare a meno di 50 euro. Attorno ai 100 euro, invece, il prezzo per quelli più avanzati.

Galleria idee e foto di Yogurtiere

Ti sei chiarito un po’ le idee riguardo le yogurtiere e i loro vantaggi? Se sei un amante dello yogurt e stai pensando seriamente all’acquisto, la nostra fotogallery potrebbe darti una mano a rinfrescarti la memoria su quanto hai appena letto.