Risparmio energetico con la domotica: scopri come gestire gli ambienti

Autore:
Andrea Proietti

La spesa iniziale di installazione potrebbe essere onerosa ma permetterà negli anni futuri un notevole risparmio sulle bollette. La casa si trasformerà e con la domotica acquisterà anche un valore maggiore. Gestirete gli ambienti con un click o anche con un comando vocale. Avete mai pensato a questa soluzione?

Guarda il video

Con la casa domotica si risparmia sulla bolletta
Photo by geralt – Pixabay

Tra le tante potenzialità delle smart home e della domotica in generale ce n’è una a cui forse non viene data la giusta importanza, quella del risparmio energetico.

Certamente si potrà gestire la casa in modo facile e veloce, magari con un click o un comando vocale. Poter risparmiare soldi a fine mese sulla busta paga favorito da una gestione giusta dei dispositivi di casa non è assolutamente da sottovalutare.

Migliorare le prestazioni energetiche e limitare i consumi, ecco la mission della più avanzata tecnologia nata per la gestione nuova e moderna degli ambienti di casa.

Questo porta anche un aumento della produzione legata all’elettronica per le case che siano davvero maggiormente intelligenti. Non solo, assumerà un’ulteriore importanza anche lo smartphone che farà punto di unione tra i vari dispositivi.

Infatti, collegandolo ad una rete fissa, possibilmente stabile, potrà gestire tutti gli apparecchi in casa: dal condizionatore agli elettrodomestici e così via.

Ma come si può incidere realmente sulle bollette e sui costi? Con la gestione domotica si potranno tenere sotto controllo tutti i consumi reali del gas, della luca e anche dell’acqua. Zero sprechi insomma.

Vediamo un esempio specifico e pensiamo poi a termostati smart.

Cosa fanno in particolare? Manterranno tutte le stanze ad una temperatura costante, senza esagerare nei consumi o nell’utilizzo, che potranno rimanere calde e accoglienti. Nulla di nuovo rispetto al passato, si potrebbe pensare. Invece no.

Con i più moderni sistemi, come ad esempio il geo-fencing, il sistema di riscaldamento si attiverà in maniera automatica quando sarete nei pressi della vostra abitazione, spegnendosi sempre autonomamente quando uscirete da casa.

Domotica, solo aspetti positivi?

Sempre più persone scelgono la soluzione domotica per la casa
Photo by geralt – Pixabay

Stesso discorso per il vacancy sensor, particolari sensori di assenza che spegneranno tutti gli interruttori quando si uscirà dalla singola stanza impattando in maniera importante anche qui sul risparmio energetico.

Molti, moltissimi gli aspetti positivi della gestione di domotica di casa. Abbiamo parlato fino ad ora del risparmio energetico. Ma c’è qualche aspetto negativo? Senza dubbio il costo iniziale è davvero importante e spesso blocca l’idea di installare apparecchi domotici.

In un appartamento di poco meno di 100 metro quadrati bisogna affrontare una spesa di cerca 7.000 euro per creare un apposito impianto. Qui saranno installati sensori di movimento, termostati, prese smart plug, dongle per condizionamento e altri apparecchi specifici.

Non solo, attraverso la domotica si potranno gestire anche i sistemi di videosorveglianza, soprattutto da remoto quando non si è fisicamente presenti in casa.

Certamente un investimento molto importate ma che permetterà di risparmiare per il resto degli anni su quelle che sono le tanto odiate bollette energetiche. Non solo, la domotica recita un ruolo importante anche per una maggiore sostenibilità ambientale e fa aumentare il valore dell’immobile.

Potrebbe interessarti Festa del Risparmio Energetico