Bonus Domotica, come fare per ottenerlo?

Autore:
Andrea Proietti

Detrazione fiscale per chi decide di investire sulla casa domotica con detrazione che può arrivare fino al 65%. C’è tempo fino al 31 dicembre del prossimo anno. Ma quali soni i passaggi per ottenere questo Bonus? Quali documenti da presentare?

Guarda il video

Bonus Domotica. Come ottenerlo?
Photo by geralt – Pixabay

La proroga fino al 31/12/2024 del Bonus Domotica ha riacceso l’attenzione sulle modalità per riuscire ad ottenerlo. Ci sono in ballo detrazioni Irpef fino al 65% sulle spese che una famiglia ha dovuto sostenere per l’acquisto di tutti quegli apparecchi indispensabili per la gestione più facile della casa.

Monitoraggio dei consumi, maggiore facilità di utilizzo, tempistiche imposte, maggiore sicurezza: il tutto con un solo click un comando vocale attraverso gli assistenti più famosi e un notevole risparmio energetico. Ecco perché verso la domotica si ha un interesse sempre maggiore e perché la stessa ha rivoluzionato il mercato dell’immobiliare qui in Italia.

Ecco perché si cerca di accedere ed ottenere il Bonus Domotica.

Sono tanti gli studi che attestano e confermano l’importanza di trasformare la propria abitazione con la tecnologia domotica. L’Osservatorio Internet of Things 2022-2023 del Politecnico di Milano ha stabilito come una Smart home permetta un risparmio in bolletta di 460€ l’anno. A questo va aggiunto naturalmente anche un maggiore comfort a seconda di quelle che sono le proprie esigenze.

È la legge di bilancio attuale che prevede questo Bonus prorogato appunto fino a dicembre 2024. Detrazioni fiscali per l’efficienza energetica, una misura studiata per incentivare e per venire intorno alle problematiche odierni che riguardano la casa, i costi, la gestione.

I passaggi da seguire sono diversi, in alcuni tratti anche molto particolari, bisognerà quindi di farsi seguire da personale altamente qualificato che conosca l’argomento che vi spieghi e consigli a vostro vantaggio.

Bonus Domotica, massimale delle spese detraibili

Passaggi da seguire e documenti da presentare
Photo by geralt – Pixabay

Questa misura prevede detrazione Irpef fino al 65%, appunto previa asseverazione di un tecnico abilitato, su tutte le spese che saranno state sostenute a partire dal 1° gennaio 2022. Parliamo di tutti quei dispositivi smart indispensabili per la gestione domotica di casa e utili per il monitoraggio dei consumi.

C’è un massimale delle spese detraibili per l’acquisto e anche il montaggio di questi dispositivi e corrisponde a 15.000€, la detrazione totale spettante sarà poi divisa in 10 quote annuali dello stesso importo.

Ovviamente, come accade in altri campi in cui è prevista un’agevolazione, dovrà essere presenta una documentazione per accedere al Bonus. Nello specifico questa documentazione prevede:

Se gli interventi di installazione prevedono sistemi building-automation allora l’asseverazione specifica che la stessa tecnologia afferisce almeno alla classe B della norma En 15232. In più consente la gestione personalizzata automatica degli impianti di riscaldamento o anche la produzione di acqua calda sanitaria o climatizzazione estiva.

Si potranno detrarre anche le spese che fanno riferimento a opere elettriche e murarie per l’installazione con la messa in funzione degli impianti termici autorizzati.

La domotica aiuta in maniera importante la vita in casa delle famiglie alle quali sono riservate queste agevolazioni per poter concedere a più persone possibili la possibilità di godere di una vera e propria rivoluzione tecnologica.