Piani cottura hi tech: consigli per i meno esperti

Cucina da rinnovare o fare ex novo? Per i meno esperti può essere difficile districarsi nella scelta dei vari piani cottura hi tech: a induzione, radianti, alogeni, a gas, dotati di sistema di aspirazione ecc. Sono tutti prodotti dalle prestazioni e caratteristiche tecniche molto simili ai modelli professionali. Ecco, quindi, una pratica guida alla scelta dei piani cottura hi tech con pro, contro e consigli!

Galleria foto ed immagini

piani-cottura-hi-tech-01

Al giorno d’oggi, la scelta del piano cottura della propria cucina può risultare molto complessa, dato che esistono piani cottura in grado di soddisfare ogni tipo di esigenza.

Il piano cottura, pertanto, va scelto in base alle proprie specifiche aspettative e necessità, in termini di consumi energetici, impatto estetico desiderato, tipi di cottura preferiti e tecnologia richiesta.

È anche importante non sottovalutare la classe energetica dell’elettrodomestico, per garantirsi minori costi in bolletta. Pertanto, prima di effettuare l’acquisto considera bene le tue esigenze!

piani-cottura-hi-tech-02


Leggi anche: Piano cottura modulare: consigli e suggerimenti

Piano cottura a gas

In Italia il piano cottura a gas è ancora il modello più diffuso, principalmente per la sua economicità, sia in fase di acquisto sia in termini di utilizzo. Inoltre, per la cottura a gas si può utilizzare qualsiasi tipo di pentola.

Grazie alle innovazioni tecnologie, i nuovi piani cottura a gas sono più sicuri e funzionali. Infatti, i sistemi di sicurezza bloccano le fuoriuscite di gas mentre gli eco-bruciatori ad alta efficienza, attraverso un sistema brevettato di fiamma verticale, garantiscono una migliore combustione e una cottura dei cibi in tempi più rapidi.

Il posizionamento del piano cottura è, però, vincolato dagli allacci del gas, deve essere effettuato da un professionista abilitato ed è importante effettuare controlli periodici.

piani-cottura-hi-tech-03

Piano cottura radiante

Il piano cottura in vetroceramica elettrico, o radiante, è un piano in materiale vetroceramico che viene riscaldato da una resistenza sottostante. Pertanto, il calore si irradia dalla resistenza prima alla vetroceramica e poi, per trasmissione, al pentolame.

Ciò comporta un’inevitabile dispersione di calore, con un rendimento termico del 47%. Per giungere ad ebollizione 1 litro d’acqua impiega circa 8 minuti. Bisogna adoperare pentole con il fondo piatto.

piani-cottura-hi-tech-04


Potrebbe interessarti: Angolo cottura: idee e soluzioni per arredarlo al meglio

Piano cottura alogeno

Il funzionamento del piano cottura alogeno è simile a quello del piano radiante ma, a differenza del precedente, il riscaldamento avviene tramite delle lampade ad infrarossi ad alta efficienza, poste sotto al piano in vetroceramica.

Anche in questo caso vi è un consistente spreco di energia, dovuto al trasferimento di calore prima al piano e poi alla pentola, seppure inferiore al piano elettrico. La resa termica è del 58%. Per giungere ad ebollizione 1 litro d’acqua impiega circa 7 minuti. Bisogna adoperare pentole con il fondo piatto ed opaco, in modo tale da non riflettere gli infrarossi.

piani-cottura-hi-tech-05

Piano cottura a induzione

È una delle novità in cucina più rivoluzionarie e desiderate, il cui segreto sta nelle bobine in rame poste sotto il piano (solitamente di vetroceramica ma ci sono anche nuovi modelli in acciaio e vetro).


Idee design personalizzate per te? Iscriviti al gruppo

Il metodo di cottura del piano ad induzione utilizza l’elettromagnetismo per creare un campo magnetico fra tale bobina e la pentola (che deve avere un altro contenuto in ferro) che si converte in calore.

La resa dei piani cottura a induzione è altissima, pari al 92%, dato che il calore viene trasferito direttamente alla pentola e non al piano cottura. Per giungere ad ebollizione 1 litro d’acqua impiega solo 3 minuti.

Per contro, per la cucina ad induzione servono delle pentole adatte, con fondo piatto e ricco di materiale ferroso. L’acquisto di un piano a induzione implica, quindi, la sostituzione delle pentole di rame, alluminio, terracotta e quelle antiaderenti con il fondo di alluminio.

Un metodo per riciclare le vecchie pentole ancora in buono stato è quello di acquistare dei dischi adattatori, del costo di circa 10-15 euro l’uno che, però, allungano i tempi di cottura e, di conseguenza, i costi di gestione.

piani-cottura-hi-tech-06

Piano cottura a induzione: pro e contro

I principali vantaggi dei piani cottura ad induzione sono:

  • Distribuzione del calore ottimale, che garantisce una cottura uniforme in tempi dimezzati
  • Sicurezza, dato che il piano cottura non si riscalda non si corre il rischio di scottarsi, a meno che non si tocchi la pentola
  • Facilità di pulizia, sia per il piano completamente liscio sia perché la mancanza di calore evita la formazione di incrostazioni
  • Molte funzioni extra, come timer, regolazione ottimale della potenza delle varie zone di cottura, e blocchi di sicurezza per bambini.

Invece, i contro sono:

  • Costi iniziali elevati
  • Alti consumi energetici, per cui bisogna prevedere un ampliamento del contatore elettrico dal classico 3,3 kW a 4,5 o 6 kW, in base alle abitudini di consumo familiari
  • Uso di pentole specifiche
  • I portatori di pacemaker devono prestare attenzione. Anche se le prove accademiche indicano che il piano cottura non possa riprogrammare o causare danni al pacemaker, è importante verificare bene le caratteristiche specifiche del proprio dispositivo.

piani-cottura-hi-tech-07

Piani cottura dotati di sistema di aspirazione

I piani cottura hi tech possono anche disporre di un comodo sistema aspirante che, a seconda delle specifiche tecniche del prodotto, oltre a trattenere gli odori può anche essere in grado di rilevare autonomamente la presenza di pentole nella zona cottura, modulare l’aspirazione in base alle diverse casistiche e ridurre l’umidità nell’aria.

piani-cottura-hi-tech-08

Piani cottura hi tech consigli per l’uso quotidiano

Anche se può sembrare ovvio, il consiglio principale è leggere attentamente il manuale di istruzioni del proprio piano cottura ed osservare rigorosamente le indicazioni contenute.

È assolutamente da evitare l’uso improprio del piano cottura, quindi attenzione a non adoperarlo come piano d’appoggio, specialmente quando è caldo per i modelli che si surriscaldano.

Per i modelli a casa, particolare cura deve essere posta nella verifica della corretta ventilazione degli ambienti e, in caso di guasto o malfunzionamento, è fondamentale chiudere il gas e chiamare l’assistenza tecnica.

piani-cottura-hi-tech-09

Piani cottura hi tech: immagini e foto

Sei alla ricerca del piano cottura perfetto per le tue esigenze? Sfoglia la nostra galleria di immagini per scoprire le novità più utili ed accattivanti presenti sul mercato.

Annarita Venerito
  • Copywriter e Web Editor Content
  • Autore specializzato in Design, Arredamento e Wellness
Suggerisci una modifica