Miglior asciugatrice: funzioni e prezzi

In appartamenti di dimensioni ridotte, senza balconi o situati in zone molto umide l’asciugatrice sembra essere la soluzione perfetta. Ma come scegliere quella migliore? Cosa si deve considerare? Vediamolo insieme nell’articolo.

Il tempo ridotto e lo spazio ristretto non ci permettono di avere sempre pronto il bucato che laviamo. In molti casi avere in casa un’asciugatrice potrebbe essere la soluzione a gran parte dei nostri problemi, aiutandoci a gestire meglio il tempo da passare in lavanderia.

Proprio per la sua larga diffusione sempre più aziende hanno iniziato a produrre asciugatrici e questo rende ancora più difficile la scelta da compiere al momento dell’acquisto. Le varianti da considerare sono infatti tante e dipendono tutte dalle nostre esigenze. Un’asciugatrice perfetta per la nostra amica potrebbe rivelarsi inadatta per noi e viceversa.

Come fare quindi per scegliere l’asciugatrice migliore? In questo articolo vedremo quali sono i fattori da dover valutare, i tempi e la quantità di carico ma anche le fasce di prezzo in base alla classe energetica di appartenenza.


Leggi anche: Scritte, testi, simboli e disegni ASCII

Perché acquistare un’asciugatrice

Nonostante la sua diffusione in molti ancora sono restii all’acquisto dell’asciugatrice ritenendo che questa rovini il bucato infeltrendolo o rimpicciolendolo. In realtà tutto dipende dalla funzione che dobbiamo adottare. Come abbiamo detto prima non esiste un’asciugatrice che più delle altre sia migliore, dipende sempre dalle nostre necessità e non è possibile generalizzare.

L’asciugatrice diventa un elettrodomestico indispensabile quando lo spazio di asciugatura del bucato è davvero limitato, magari nel caso di balconi piccoli o, in molti casi, inesistenti. Avere infatti del bucato molto bagnato in casa non è salutare poiché aumenta notevolmente il tasso di umidità dell’appartamento.

Inoltre l’asciugatrice si rivela utile anche in caso di appartamenti che hanno lo spazio di asciugatura, ma si trovano in località molto umide in cui il bucato impiega davvero molto tempo per asciugarsi. In questi casi, il tempo prolungato all’aperto, potrebbe lasciare un odore poco gradevole sui nostri vestiti rendendo vano il lavaggio svolto.

Cosa considerare in un’asciugatrice

Poiché la scelta dell’asciugatrice è puramente personale perchè dipende da molti fattori, recarci in un negozio di elettronica dove i tecnici possono spiegarci le funzioni di un modello piuttosto che di un altro, può sicuramente tornarci utile, ma se non sappiamo da dove partire rischiamo di uscire con le idee più confuse di prima.

Prima quindi di partire con l’acquisto che potrebbe rivelarsi sbagliato prendiamoci del tempo per fare tutte le considerazioni dovute. Solo in questo modo potremmo essere sicuri di aver fatto una scelta davvero indispensabile. Vediamo insieme quali sono le considerazioni da fare.


Potrebbe interessarti: Miglior lavasciuga: cosa guardare e prezzi

Spazio disponibile

Lo spazio a nostra disposizione gioca un ruolo chiave nella scelta dell’asciugatrice. Non sempre infatti riusciamo a ricavare lo spazio necessario per collocare il nostro elettrodomestico. Dobbiamo avere presente che un’asciugatrice ha in media la stessa grandezza della lavatrice, quindi prendiamo le misure in base a quelle dimensioni.

In commercio esistono però anche le asciugatrici slim, quelle con una profondità di appena 45 cm. In questo caso il carico sarà sicuramente inferiore, ma le dimensioni dell’elettrodomestico renderanno più agevole il suo posizionamento.

Un’altra alternativa invece è quella di sfruttare l’altezza. Come abbiamo detto, infatti, lavatrice e asciugatrice tendono ad avere le stesse dimensioni. Per questo motivo è possibile pensare ad una soluzione a colonna acquistando un kit apposito che ammortizzi le vibrazioni degli elettrodomestici.

Classe energetica

Proprio come le lavatrici, anche le asciugatrici si dividono in classe energetica e questo influisce molto sia sul prezzo di acquisto sia su quello dei consumi in bolletta. Le classi energetiche delle asciugatrici vanno dalla D alla A+++ con consumi annui che oscillano dai 90€ (per la classe D) a 25€ (per la classe A+++).

Il consiglio quindi è sempre quello di orientarsi verso classi energetiche alte che ci permettano di risparmiare anche sulla bolletta, ma la scelta dipende anche dal tipo di utilizzo che ne facciamo. In un appartamento in cui l’asciugatrice viene utilizzata in ogni momento, per tutto il bucato, sarà preferibile orientarsi sulla classe A+++. Se invece sappiamo già che l’uso sarà sporadico possiamo anche scendere di classe e risparmiare sull’acquisto.

Capacità di carico

La capacità di carico dell’asciugatrice è un fattore importante da considerare al momento dell’acquisto in quanto ci permetterà di risparmiare tempo notevole. Di solito un’asciugatrice media ha una capacità di carico tra i 9 e i 10 Kg, che coincide con quelli di una lavatrice classica e si adatta quindi alla maggior parte delle esigenze.

Esistono però anche asciugatrici con capacità di carico maggiori, indicate soprattutto per famiglie il cui nucleo è composto da più di 4 persone. In questo caso quindi la quantità di bucato sarà sicuramente maggiore. È inoltre importante confrontare anche la capacità di carico della nostra lavatrice. Se infatti in precedenza abbiamo acquistato una lavatrice con capacità di 12 kg è necessario adattarsi anche nella scelta dell’asciugatrice per non dover dividere il bucato.

Modalità di evacuazione

La quantità di umidità raccolta dall’asciugatrice viene espulsa in forma liquida. La modalità di espulsione gioca quindi un ruolo chiave nella scelta. Queste infatti si dividono in modelli con un cestello di raccolta, che andrà svuotato dopo ogni utilizzo, e quelle con un tubo di scarico, lo stesso della lavatrice. Valutiamo quindi l’acquisto in base a dove intendiamo collocare l’asciugatrice e alla vicinanza o meno con una modalità di scarico.

Tempi e programmi

In media un ciclo di asciugatura in asciugatrice varia dai 90 ai 100 minuti. Questo calcolo varia a seconda della marca scelta e dei giri della centrifuga. Anche i tessuti degli indumenti giocano un ruolo chiave nei tempi di asciugatura, ecco perché sempre più aziende hanno elaborato programmi specifici per ogni tipo di esigenza.

I programmi dell’asciugatrici servono per scegliere la quantità di calore e i tempi che l’elettrodomestico dovrà utilizzare per asciugare i nostri capi senza correre il rischio di rovinarli. I programmi classici sono quelli che prevedono l’asciugatura di capi in cotone, sintetici e delicati oltre a tempi di asciugatura ridotti in caso di un carico minore di quello previsto. Nelle asciugatrici di fascia medio alta è invece possibile trovare anche programmi più avanzati, adatti anche a tessuti in lana, tecnici per chi pratica molto sport o anche piumoni e coperte.

Funzioni

Un altro fattore che influisce sul prezzo e sulla comodità delle asciugatrici sono le funzioni disponibili. I modelli di fascia bassa avranno certamente la classica funzione “stiro facile” che permette di non creare pieghe eccessive durante l’asciugatura per agevolare la stiratura successiva.

Altre funzioni utili, disponibili su modelli di fascia medio-alta, sono la partenza ritardata, che ci permette di programmare l’inizio dell’asciugatura fino a 24 ore successive o anche il riconoscimento automatico del carico. Quest’ultima funzione permette all’asciugatrice di rilevare da sola la quantità di bucato inserita e il tempo necessario all’asciugatura permettendoci un risparmio notevole sui consumi.

Asciugatrici smart

Come la maggior parte degli elettrodomestici in commercio anche le asciugatrici sono disponibili nella versione smart. Questo tipo di funzione permette di collegare l’elettrodomestico ad un’applicazione per consentirci di controllarlo anche da remoto. Le asciugatrici di fascia alta appartenenti alla categoria smart prevedono anche il collegamento con gli assistenti vocali.

Miglior asciugatrice: prezzi

I prezzi delle asciugatrici variano in base a tutti i fattori visti in precedenza: alla classe energetica di appartenenza, alla capacità di carico, alle funzioni di cui dispone e alla marca di produzione. In commercio, al momento, le marche più quotate sono:

  • AEG
  • Beko
  • Bosch
  • Candy
  • Samsung

Ogni marca permette di acquistare diversi modelli di fascia, garantendoci maggiore scelta di acquisto. In generale il prezzo di asciugatrici da fascia bassa si aggira anche intorno ai 200€, ma dobbiamo considerare che queste avranno una classe energetica inferiore e poche funzioni. Grazie alla diffusione di questo elettrodomestico è possibile trovare anche modelli di fascia medio-alta, con classe energetiche alte e maggiori funzioni, con prezzi che non raggiungono i 500€.

Miglior asciugatrice: immagini e foto

Scegliere l’asciugatrice perfetta richiede una serie di valutazioni che variano in base alle necessità. Ecco quindi una galleria di immagini per aiutarci a scegliere la miglior asciugatrice.

Fabiola Criscuolo
  • Titolo di studio: Laurea Magistrale in Scienze Politiche
  • Autore specializzato in Arredamento, Design
Suggerisci una modifica
Iscriviti alla Newsletter

Vuoi seguire le novità in tema di casa, design, vedere le migliori idee per arredare, dipingere e tanti altri contenuti originali. Registrati gratuitamente alla nostra newsletter.