La cicerenella filastrocche e poesie

Antonella Palumbo
  • Dott. in Scienze dell'amministrazione

la cicerenella filastrocche e poesie

Le filastrocche sono una forma di poesia che si presta ad essere canticchiata, la cui storia risale a centinaia di anni fa. Anche se generalmente non sono riconducibili ad un dato autore, perchè provenienti dalla tradizione popolare che si basava sul tramandare molto spesso anche solo oralmente i versi da generazione in generazione, in alcuni casi sono state scritte anche da famosi autori.

La pubblicazione di filastrocche coincide con il periodo in cui si vede fiorire lo sviluppo della letteratura per bambini a partire dal XVIII secolo. Le filastrocche variano per stile, tema, soggetto con un uso della rima che le rende facili da ricordare, non a caso includono ninne nanne, indovinelli, e canzoncine per bambini.

Quella che vi proponiamo fa parte del repertorio partenopeo ed ha come soggetto il personaggio da cui proprio prende il nome. La Cicerenella ha una sequenza di strofe intervallate da un breve ritornello ed è una filastrocca in cui si narra un numeroso elenco di oggetti posseduti dal protagonista estroso e sopra le righe. Il vivace ritmo di cui è composta, grazie all’uso di assonanze e rime, fa della stessa una sorta di tarantella giocosa motivo per il quale è diventata così famosa soprattutto negli anni ’70, periodo in cui era uno dei pezzi più rappresentativi del movimento di folk revival, rivisitata da famosi personaggi della canzone italiana trai cui citiamo Roberto Murolo.

Vediamo insieme il testo spiritoso di questa bella filastrocca:

Cicerenella teneva ‘nu gallo,
tutttutt’ ‘a notte nce ieva a cavallo.
E nce ieva tantu bello,
chist’ è o gallo ‘e Cicerenella.

Cicerenelia teneva ‘nu ciuccio,
ieva venenno torze e cappucce.
E ben nova tanto bello,
chist’ è ‘o ciuccio ‘e Cicerenella.

Cicerenella teneva ‘na votta,
metteva ‘coppa e asceva ‘a sotta.
E asceva tantu bello,
chest’ è ‘a vtlta ‘e Cicereneila.

Traduzione:

Cincirinella aveva un gallo
tutta la notte ci andava a cavallo.
E ci andava tanto bene,
questo è il gallo di Cicerenella.

Cicerenella aveva un asino,
andava in giro vendendo broccoli e cavoli cappucci.
E vendeva tanto bene, questo è l’asino di Cicerenella.

la cicerenella filastrocche e poesie

Questa è invece un’altra versione che vale la pena riportare:

Cicerenella mia, si’ bona e bella.

Cice.renella tenéa nu ciardino
e ll’adacquava cu ll’acqua e lu vino.
Ma ll’adacquava po’ senza langella.
Chist’è ‘o ciardino de Cicerenella.

Cice.renella teneva na gatta
ch’era cecata e purzí scontraffatta.
La strascenava cu meza codella.
Chest’è la gatta de Cicerenella.

Cice.renella teneva nu gallo
e tutta la notte nce jéva a cavallo.
Essa nce jéva po’ senza la sella.
E chisto è lo gallo de Cicerenella.

Cicerenell teneva nu ciuccio
e ll’avéa fatto nu bellu cappuccio.
Ma nu teneva né ossa e né pelle.
Chisto è lu ciuccio de Cicerenella.

Cice.renella tenéa na gallina
che facéa ll’uovo de sera e matina.
Ll’avéa ‘mparata a magná farenella.
Chest’è ‘a gallina de Cicerenella.

Cicerenell tenéa na pennata,
e, tutta la notte, steva allummata.
E ll’allummava co la lucernella.
Chesta è ‘a pennata de Cicerenella.

Cice.renella teneva na vótte.
Mettea da coppa e asceva da sotto.
E nun ce steva tompagno e cannella.
Chesta è la vótte de Cicerenella.

Cice.renella tenéa na remessa
e nce metteva cavallo e calesse.
E nce metteva la soja tommonella.
Chesta è ‘a remessa de Cicerenella.

Cicerenella tenéa na tièlla,
frijeva ll’ove cu la mozzarella.
E le ffrijeva cu la sarcenella.
Chesta è ‘a tièlla de Cicerenella.

Cicerenell mia, si’ bona e bella.