Come scegliere il robot miglior per pulire il pavimento

Validi sostituti dell’aspirapolvere o solo complemento? I robot aspirapolvere stanno spopolando e anche noi abbiamo decido di acquistarne uno vediamo come scegliere il migliore.

I ritmi frenetici della vita quotidiana spesso non ci permettono di procedere nelle pulizie come vorremmo. Quando rientriamo dopo una giornata di lavoro siamo troppo stanchi e anche il semplice passare l’aspirapolvere appare come un’impresa eroica impossibile da compiere.

Per questo motivo si stanno diffondendo sempre di più i robot per la pulizia dei pavimenti. Piccoli e pratici, questi prodotti promettono di alleggerire il carico di lavoro delle pulizie e di farci trovare l’ambiente già pulito senza muovere un solo dito. Grandi o piccoli, squadrati o rotondi, alti o bassi, in commercio troviamo un’infinità di modelli.

Ma con tutti questi modelli in circolazione come possiamo scegliere quello giusto? Esistono criteri di valutazione che ci permettono di scegliere il miglior robot per pulire i pavimenti in base alle nostre esigenze e permetterci di godere di una pulizia ottimale come quella fatta da noi. Vediamo insieme quali sono.


Leggi anche: Scritte, testi, simboli e disegni ASCII

Conoscere la casa

Il robot per i pavimenti perfetto per noi è quello che si adatta alla nostra casa. Prima di procedere con l’acquisto dobbiamo sapere se ci dovremo essere sicuri che quell’aspiratore pulisca la superficie del pavimento di casa nostra.

In commercio esistono diversi tipi di robot per pavimenti, in grado di pulire ogni materiale, dal parquet al granito. Gli ultimi modelli inoltre riescono a pulire bene anche i pavimenti con fughe più profonde rispetto ai primi che su questo punto peccavano.

Design

Rotondo o quadrato a noi la scelta, ma che non sia dettata dalla sola estetica. Il design del robot per pulire i pavimenti non è infatti casuale, dettato solo dalla preferenza stilistica delle aziende e dell’acquirente. Ogni forma è studiata per pulire un tipo di superficie.

I robot dalla forma rotonda sono più idonei agli open space, quelli squadrati invece permettono di raggiungere facilmente anche gli angoli più piccoli della casa. Non è solo una questione di spazzole che si aprono quindi, ma anche della tipologia di casa all’interno della quale deve pulire il robot.

Altezza

Come il design anche l’altezza è importante quando scegliamo il nostro robot per pulire i pavimenti. Ogni marca produce robot di diverse altezze che permettono a questo elettrodomestico di passare sotto i mobili, le sedie e, nel caso, anche i divani.


Potrebbe interessarti: Come scegliere il miglior materasso

Se abbiamo mobili o arredi che di solito riusciamo a raggiungere con l’aspirapolvere perché abbastanza elevati assicuriamoci di prenderne la misura prima di procedere con l’acquisto del robot, per essere sicuri che durante le pulizie questo riesca a passare senza incastrarsi e costringerci a tenerlo sotto controllo.

Autonomia

Anche la durata della batteria varia da modello a modello e possiamo sceglierlo in base alle nostre esigenze. Solitamente i modelli base hanno un’autonomia inferiore a un’ora, sufficiente per pulire superfici intorno ai 40 mq.

Se abitiamo in un monolocale quindi possiamo anche puntare su un modello base, ma se la nostra abitazione è più ampia dovremo scegliere un robot con un’autonomia di almeno due ore. Anche i tempi di ricarica sono importanti se non vogliamo che si perda tempo nelle pulizie. Inoltre, qualche modello, rileva da solo l’autonomia residua andando alla ricerca della base e ricominciando a pulire lì dove aveva interrotto.

Serbatoio

Tutto lo sporco raccolto dal nostro robot andrà a raggrupparsi nel serbatoio, motivo che ci spinge a dover considerare anche questo fattore al momento dell’acquisto. I modelli più economici hanno una capienza di circa 250 ml solitamente sufficiente.

Scegliere un modello con una capienza maggiore non significa avere la casa sporca, semplicemente avere un’esigenza diversa. Se infatti non usiamo il robot come supporto dell’aspirapolvere questo raccoglierà sicuramente più capelli e polvere. Inoltre se abbiamo in casa animali domestici i peli di questi contribuiranno al riempimento del serbatoio.

Presenza di animali in casa

Se abbiamo un amico a quattro zampe che gira liberamente in casa dovremo assicurarci di prendere il robot adatto a lui. Non parliamo solo della capienza del serbatoio, che deve essere sufficiente per raccogliere tutti i peli lasciati in giro dal nostro amico.

Molti robot non sono silenziosi, problema che può essere non valutato per chi lo attiva mentre è a lavoro per far fare all’elettrodomestico il lavoro che non riusciremmo a fare al ritorno. Spesso però il rumore costante prodotto dal nostro aspiratore potrebbe infastidire l’amico di casa rendendolo nervoso e aggressivo.

Collegamento smart

Se ogni robot per pulire i pavimenti può essere azionato al momento esistono anche altri cosiddetti intelligenti. Questi, grazie alla capacità di connessione smart, possono essere collegati ad un’applicazione ed essere attivati non solo ad orario, ma anche a distanza.

Gli ultimi modelli inoltre possono collegarsi agli assistenti vocali presenti in casa, agevolandoci la messa in funzione in qualsiasi momento, sia quando siamo in casa sia fuori, attraverso il solo comando vocale.

Lavapavimenti

Se i primi robot per pulire i pavimenti svolgevano solo la funzione di aspirazione, i nuovi modelli possono anche lavarli. Alcune aziende che si sono specializzate nella creazione di questi elettrodomestici hanno infatti inserito anche un serbatoio per l’acqua e il detersivo.

Anche se il prezzo di questo tipo di robot è superiore rispetto ai classici può rivelarsi un supporto davvero utile per chi non ha molto tempo da dedicare alle pulizie domestiche e desidera rientrare a casa trovando almeno il pavimento già pulito e igienizzato. Questa caratteristica è adatta anche a chi ha bimbi piccoli che ancora gattonano per casa.

Come scegliere il miglior robot per pulire i pavimenti: immagini e foto

Se stiamo valutando l’acquisto di un robot per pulire i pavimenti dobbiamo tenere a mente alcuni punti fondamentali per la scelta di quello più adatto alle nostre esigenze. Ecco una galleria di immagini da cui trarre ispirazione.

Fabiola Criscuolo
  • Titolo di studio: Laurea Magistrale in Scienze Politiche
  • Autore specializzato in Arredamento, Design
Suggerisci una modifica
Iscriviti alla Newsletter

Vuoi seguire le novità in tema di casa, design, vedere le migliori idee per arredare, dipingere e tanti altri contenuti originali. Registrati gratuitamente alla nostra newsletter.