Come scegliere il cuscino per la cervicale

La cervicale è una delle infiammazioni più diffuse e che impedisce un buon riposo notturno. Ma come può ovviare? Quale cuscino si deve scegliere per dormire senza dolori? In questo articolo vi guideremo alla scelta del guanciale che vi consentirà di tornare a stare bene.

scegliere-il-cuscino-per-la-cervicale-01

Galleria foto ed immagini

Per un riposo notturno ottimale non basta affidarsi alla rete e al materasso adatto, anche il cuscino gioca un ruolo chiave. Questo infatti, è il sostegno della nostra testa mentre dormiamo e ci permette di risvegliarci davvero carichi e soprattutto senza particolari fastidi alla schiena.

Non esiste un solo cuscino perfetto, ogni conformazione fisica, abitudine di posizione notturna e soprattutto problema fisico, determina la scelta individuale. Lo sa bene chi soffre di cervicale e si ritrova al mattino con un dolore fastidioso e persistente peggiorato dalla posizione sbagliata assunta durante il sonno.

In questo articolo vi illustreremo quindi, quali sono le caratteristiche da ricercare nel cuscino per chi soffre di cervicale, i materiali e le altezze più adatte, che vi aiuteranno durante il sonno. Con il guanciale adatto sarà più facile alleviare il dolore di questa fastidiosa infiammazione.


Leggi anche: Scritte, testi, simboli e disegni ASCII

scegliere-il-cuscino-per-la-cervicale-03

Cos’è la cervicale

Quando parliamo di cervicale ci riferiamo all’infiammazione persistente e spesso debilitante che influenza le prime sette vertebre del nostro collo, fino ad irradiarsi a livello muscolare. Il principio di questo fastidio può essere di evento traumatico o posturale. Non è infatti difficile che chi passa tante ore seduto al PC, assuma una postura sbagliata che provochi questa infiammazione.

Anche la posizione notturna gioca un ruolo fondamentale nella cervicale. Durante il sonno è importante assicurarsi, così come nella veglia, che il collo abbia il giusto supporto e che non vengano assunte posizioni che potrebbero portare fastidi alla schiena. Per questo motivo, se si è soggetti alla cervicale, diventa di primaria importanza scegliere il cuscino adatto.

scegliere-il-cuscino-per-la-cervicale-02

La forma del cuscino per la cervicale

Di solito il classico cuscino per la cervicale è quello con la forma ad onda che permette di accogliere la testa garantendo il giusto supporto del collo. Questa però non è una verità assoluta poiché, come abbiamo anticipato, sono tanti i fattori che influenzano la scelta del guanciale.

La forma ad onda è consigliata per chi è solito dormire di lato, in quanto questo tipo di cuscino si adatta già alla posizione assunta durante il sonno. Chi invece è solito dormire supino o a pancia in giù, potrebbe riscontrare problemi di riposo e peggiorare l’infiammazione, poiché sarebbe portato ad assumere un atteggiamento sbagliato e faticoso per le vertebre. In questi casi è quindi preferibile modelli piatti prestando attenzione alla giusta altezza.


Potrebbe interessarti: Quale parete della camera da letto dipingere più chiara

scegliere-il-cuscino-per-la-cervicale-04

Scegliere l’altezza del cuscino per la cervicale

Anche per l’altezza, come per tutti gli altri fattori che influenzano la scelta del cuscino, non esiste quella perfetta, ma dobbiamo scegliere in base al nostro corpo e alle nostre abitudini. Per fortuna le diverse aziende arrivano in nostro soccorso e ci presentano una scelta infinita.

Per capire quale sia l’altezza adatta a noi dobbiamo, per prima cosa, pensare alla posizione che più assumiamo durante la notte. Qualsiasi questa sia, il collo deve essere perfettamente allineato con il resto della schiena, quindi non curvarsi verso l’alto e neanche verso il basso. Per avere la misura esatta possiamo fare una prova senza guanciale e misurare i centimetri che distanziano il nostro collo dal materasso. Consideriamo infatti che, qualunque sia il materiale scelto, la parte delle vertebre cervicali sarà meno soggetta a variazioni dovute alla morbidezza.


Idee design personalizzate per te? Iscriviti al gruppo

scegliere-il-cuscino-per-la-cervicale-05

Come scegliere il materiale del cuscino

Dopo aver trovato la forma e l’altezza giusta per noi è arrivato il momento di scegliere tra i diversi materiali disponibili. Qui le valutazioni aumentano e non solo dobbiamo considerare la posizione notturna, ma anche eventuali allergie e se soffriamo o meno il caldo durante il sonno.

Ogni materiale si adatta più o meno facilmente alla forma del nostro corpo e da ciò dobbiamo partire per scegliere il cuscino adatto a noi. Per i soggetti allergici sono da evitare sicuramente quelli in piuma, spesso sconsigliati anche per la cervicale in quanto poco si adattano alla conformazione fisica e quindi, allo scarico di tensione che si accumula nelle vertebre.

I materiali più indicati per i cuscini per la cervicale sono il lattice e il memory foam i quali non hanno notevoli differenze tra loro. Sono entrambi materiali anallergici e antibatterici, quindi indicati anche a soggetti allergici e asmatici.

La differenza principale è nella consistenza: il cuscino in lattice ha infatti una struttura alveolare che consente di adattarsi alle diverse posizioni del corpo, sia questa laterale o supina, indipendentemente dalla forma, anche se potrebbe risultare un poco rigido. Il memory foam è invece un materiale a bassa resistenza, quindi più morbido del lattice, che si adatta ancora prima di questo alla posizione assunta. Di contro è meno traspirante, quindi poco adatto a chi soffre molto il caldo durante il sonno.

Esistono poi i cuscini in materiali naturali, quelli “ad acqua” e in aloe vera. Questi due materiali conservano la caratteristica anallergica e antibatterica tipica anche del lattice e del memory, si adattano sempre con facilità alla forma del collo e alla posizione assunta, ma sono molto più traspiranti degli altri due materiali.

scegliere-il-cuscino-per-la-cervicale-06

Cuscino da viaggio per la cervicale

Chi soffre di cervicale potrebbe riscontrare problemi non solo quando dorme a letto, ma anche durante i viaggi. Che sia in aereo, in macchina o in treno anche qui una posizione sbagliata potrebbe compromettere il riposo e soprattutto il risveglio.

Per i viaggi sono indicati i cuscini dalla forma a “C”, che si posizionano intorno al collo garantendo il giusto sostegno anche nella posizione eretta. In questo modo non si assumeranno posizioni strane durante il riposo e arriveremo a destinazione rilassanti e senza dolori. Anche se troviamo le versioni gonfiabili, per chi soffre eccessivamente, è preferibile optare per la versione in memory che, grazie alla sua adattabilità, troverà spazio nella valigia.

scegliere-il-cuscino-per-la-cervicale-07

Come scegliere il cuscino per la cervicale: immagini e foto

Chi soffre con la cervicale sa quanti problemi possa provocare la posizione sbagliata assunta durante il sonno e il ruolo del giusto cuscino. In questa galleria di immagini trovate alcuni suggerimenti che vi aiuteranno a scegliere quello perfetto per voi.

Fabiola Criscuolo
  • Titolo di studio: Laurea Magistrale in Scienze Politiche
  • Autore specializzato in Arredamento, Design
Suggerisci una modifica
Iscriviti alla Newsletter

Vuoi seguire le novità in tema di casa, design, vedere le migliori idee per arredare, dipingere e tanti altri contenuti originali. Registrati gratuitamente alla nostra newsletter.