Cambiare il piano top della cucina: quando conviene, come fare, costi

Cambiare il top della cucina non è un’operazione semplice come potrebbe sembrare. Quando ci si ritrova con un top rovinato sono sempre numerosi i dubbi che bisogna affrontare: quanto costa? Che materiali utilizzare? Rivestirlo o sostituirlo? In questa guida daremo una risposta a tutte queste domande per indicarvi quando e come cambiare il piano top della cucina.

Galleria foto ed immagini

cambiare-piano-top-cucina-quando-conviene-come-fare-costi-2

In ogni cucina, senza ombra di dubbio, il piano top è la parte più utilizzata e soggetta all’usura. Il motivo per cui questo accade è molto semplice: sul piano top si cucina, si taglia, si affetta, si impiatta, si svolgono cioè tutte quelle operazioni che possono in qualche modo rovinare il materiale di cui è composto.

Con il passare del tempo infatti in tutte le cucine il top tende a scolorirsi, macchiarsi o rovinarsi irrimediabilmente. Essendo inoltre, per sua natura, una delle parti della cucina più esposte alla vista, un piano top rovinato condizionerà senza alcun dubbio la resa estetica dell’intera cucina.


Leggi anche: Qual è il top migliore per la cucina?

cambiare-piano-top-cucina-quando-conviene-come-fare-costi-3

Per questo motivo capita spesso di dover affrontare un restauro o un cambiamento totale del piano top della cucina. Ma come bisogna agire? Molte persone sono spaesate perché non sanno che il piano top è una delle parti della cucina che possono essere facilmente sostitute, affidandosi a professionisti qualificati che sappiano installarlo correttamente.

Come vi abbiamo anticipato sono davvero molte le questioni da considerare con attenzione in relazione al piano di lavoro della cucina. In questa guida andremo ad affrontarle una ad una: quando sostituire il piano top? Come sostituirlo correttamente? Come proteggere il nuovo top? Cambiare o rivestire il vecchio top rovinato? Quali sono i prezzi?

cambiare-piano-top-cucina-quando-conviene-come-fare-costi-6

Cambiare il piano top della cucina: quando?

Può capitare di rendersi conto che è arrivato il momento di sostituire il top della cucina nelle più diverse circostanze. Come detto si tratta di un elemento determinante la cui importanza estetica è estremamente rilevante.

Decidere di cambiare il top della cucina, può essere un’occasione per rinnovare l’aspetto della cucina stessa senza necessariamente rivoluzionare l’intero arredamento della stanza. Cambiando il piano di lavoro sarà possibile sostituirlo con uno di colore diverso o con uno fatto di un materiale di pregio, capace di conferire da subito alla cucina, un aspetto “rinnovato” e più elegante.


Potrebbe interessarti: Dipingere le pareti: 10 errori da evitare

In generale, sostituire il piano di lavoro diventa necessario quando questo comincia a scolorirsi oppure, quando si presentano delle macchie che non vanno più via con la regolare manutenzione. Parliamo ad esempio di eventuali rigonfiamenti causati da infiltrazioni di acqua oppure da bruciature generate dal contatto con pentole bollenti.

In questi casi cambiare il piano top può essere la soluzione ideale per risolvere qualsiasi problema e far rinascere a nuova vita la nostra cucina.

cambiare-piano-top-cucina-quando-conviene-come-fare-costi-7

Cambiare o rivestire il vecchio top rovinato

Dopo aver realizzato la necessità di intervenire sul top della cucina, spesso ci si ritrova di fronte alla prima scelta da dover affrontare: rivestire o cambiare il vecchio top rovinato?


Idee design personalizzate per te? Iscriviti al gruppo

Non tutti sanno infatti che esistono in commercio dei rivestimenti in micro-cemento che consentono di rinfrescarlo e di conferire a tutto l’ambiente un’aria nuova. Questo tipo di rivestimento esiste in differenti colorazioni e texture, capaci di abbinarsi alle più disparate scelte di arredamento per la cucina.

Questi rivestimenti in micro-cemento hanno inoltre uno spessore di 3 millimetri, abbastanza per coprire la maggior parte delle imperfezioni e garantire un risultato durevole nel tempo. Ovviamente rivestire il vecchio top ha sia dei vantaggi che degli svantaggi.

Il vantaggio principale è rappresentato dai costi, relativamente più contenuti rispetto alla sostituzione del top. Tuttavia la resa estetica, per quanto soddisfacente, è spesso ben lontana dall’effetto ottenuto con una sostituzione del vecchio piano top con uno nuovo.

cambiare-piano-top-cucina-quando-conviene-come-fare-costi-4

Cambiare il piano top della cucina: come?

Per sostituire il piano top della cucina è necessario svolgere i lavori nel modo corretto. La sua corretta installazione infatti è essenziale per evitare infiltrazioni che renderebbero molto meno durevole il piano stesso e, rischierebbero inoltre, di danneggiare gli elettrodomestici sottostanti.

La cosa più importante da tenere in considerazione è certamente la planarità del piano che dovrà essere incastrato alla perfezione al muro e poi, rifinito utilizzano un’alzatina e un profilo angolare costituito di materiale idrorepellente.

Bisognerà inoltre stare molto attenti all’incasso corretto dello spazio relativo al lavello e al piano cottura, utilizzando delle apposite guarnizioni per proteggerlo. La sostituzione del piano cucina è un lavoro fattibile per chi ha una certa esperienza con il bricolage, ma richiede l’utilizzo di numerosi strumenti e di tecniche avanzate per cui è consigliabile rivolgersi ad un esperto.

cambiare-piano-top-cucina-quando-conviene-come-fare-costi-10

Proteggere il nuovo top

Dopo aver sostituito il vecchio top con uno nuovo sarà molto importante proteggerlo nel modo corretto, per evitare che in poco tempo esso possa subire gli stessi danni.

Il tipo di manutenzione da attuare deve essere relativo alla tipologia di materiale utilizzato. Ovviamente i nemici principali del top cucina sono il calore eccessivo, le punte dei coltelli ed i liquidi. Per questo è molto importante utilizzare un sottopentola e fare ricorso ad un tagliere quando si affetta o si sminuzza.

cambiare-piano-top-cucina-quando-conviene-come-fare-costi-1

Cambiare il piano top della cucina: prezzi

La cosa più importante da tenere in considerazione quando si decide di sostituire il piano top della cucina è senza ombra di dubbio che i prezzi variano in base alla scelta del materiale.

Ovviamente altrettanto determinanti sono lo spessore del piano top scelto, come anche le rifiniture dello stesso, ma questi elementi non arrivano ad influire sul prezzo con la stessa importanza che riveste la scelta del materiale.

Se per acquistare un top in laminato è necessaria una spesa che si aggira in media sui 70€/metro, per materiali come il marmo, il quarzo o il granito sarà necessario mettere in conto di spendere anche cifre che si avvicinano ai 400€/metro.

cambiare-piano-top-cucina-quando-conviene-come-fare-costi-9

Cambiare il piano top della cucina: foto e immagini

Vi consigliamo di dare uno sguardo alla nostra galleria fotografica dedicata a: cambiare il piano top della cucina.

Nicola Mirone
  • Diploma di liceo Scientifico
  • Giornalista Pubblicista
  • Autore specializzato in: Design, Arredamento e Arte
Suggerisci una modifica