Architetti Spagnoli contemporanei: 5 nomi che è impossibile non conoscere

Ermelinda Gallo
  • Dott. in Giurisprudenza

La Spagna è patria di tantissimi, visionari architetti contemporanei: artisti delle costruzioni e talentuosi designer da tenere d’occhio. Ecco le figure di rilievo da seguire.

Architetti Spagnoli contemporanei : 5 figure chiave del design
Guggenheim Museum

Galleria foto ed immagini

A partire dal genio di Gaudì, fino ai giorni nostri: la Spagna vanta alcuni dei più abili e visionari architetti del nostro tempo. Personalità che, con i loro avveniristici progetti, hanno seguito il percorso tracciato dai loro predecessori, ribadendo il ruolo internazionale del loro Paese nel campo dell’architettura e del design.

Abbiamo scelto alcuni degli artisti più acclamati e di fama mondiale, le cui opere vengono apprezzate ovunque e riconosciute come veri capolavori dell’era moderna. Dalle forme oniriche delle case di Gaudì fino alle opere concettuali di Calatrava: ecco qualche info sugli architetti e i design iberici più amati del XXI secolo.

Architetti Spagnoli contemporanei : 5 figure chiave del design
Città della Scienza di Valencia

1. Santiago Calatrava

Architetti Spagnoli contemporanei : 5 figure chiave del design
Stazione Liège – Guillemins

Nato nel luglio del 1951, Santiago Calatrava è un architetto, ingegnere e scultore di origine spagnola, nato e formatosi a Valencia, dove ha frequentato la Scuola di Architettura, laureandosi nel 1975. Dopo i suoi studi spagnoli si trasferisce in Svizzera, per frequentare la facoltà di ingegneria presso il Politecnico di Zurigo.

Qui entra in contatto ed approfondisce le opere e il pensiero dello svizzero Le Corbusier. Ad ispirarlo è il suo talento nell’adattare forme complesse all’architettura moderna. Le sue opere sono un connubio di architettura e ingegneria: dinamiche ed elaborate, in un mix di entrambe le arti, per edifici che si sviluppano in tutte le dimensioni dello spazio.

Fra le sue opere più importanti ricordiamo la suggestiva Città delle Scienze di Valencia, sua città natale, numerosi ponti, fra cui il James Joyce Bridge di Dublino e il Ponte delle Corde, situato all’ingresso di Gerusalemme. Anche in Italia ve ne sono diversi: da quello della Costituzione a Venezia al ponte di San Francesco da Paola a Cosenza. Nel nostro Paese ha anche realizzato la stazione di Reggio Emilia Mediopadana. A lui si deve, poi, la progettazione di alcuni degli edifici museali più avveniristici dei nostri tempi. Un esempio è uno di quelli che compongono il Milwaukee Art Museum, uno dei musei più grandi degli Stati Uniti.

2. Francisco Mangado

Architetti Spagnoli contemporanei : 5 figure chiave del design
Auditorium Comunale di Teulada

Francisco Mangado è nato in un piccolo centro nella Navarra il 23 ottobre del 1957. Studia e si laurea presso l’Università di Architettura di Pamplona, dov’è stato anche docente. Il Governo gli assegna per l’occasione il prestigioso Premio de terminación de estudios de Arquitectura. Dal 2008 è uno dei massimi esponenti, nonché fondatore della Fundación Arquitectura y Sociedad, associazione culturale senza scopo di lucro che promuove l’architettura e il suo fondersi con i vari aspetti della società, dalla cultura all’ economia.

Fra le sue opere principali possiamo ricordare l’Auditorium Municipal di Teulada, nella provincia di Alicante. Questo edificio, apprezzato per le sue forme e la tridimensionalità del suo progetto, è stato pensato per inquadrarsi armonicamente nel territorio dove sorge: da lontano, il rivestimento dell’edificio, con le sue piastrelle e le sfaccettature, ricorda il dorso di un pesce con le sue squame. Si annoverano, fra i suoi progetti, anche il Museo delle Belle Arti di Oviedo e la Plaza de Salvador Dalì nel centro di Madrid.

3. Patricia Urquiola

Architetti Spagnoli contemporanei : 5 figure chiave del design
Oasia Hotel Downtown

Patricia Urquiola è nata ad Oviedo nel 1961. Comincia i suoi studi di Architettura presso l’Università di Madrid; li terminerà presso il Politecnico di Milano, dove si trasferisce verso la fine degli anni 80. Ha collaborato con nomi illustri dell’architettura e con alcuni prestigiosi brand, del lusso e del design, da Kartell, ad Alessi a Louis Vuitton. Alcune delle sue creazioni di design si trovano esposte nei più celebri musei a livello mondiale: basti pensare al Moma di New York e al Design Museum di Londra.

Fra gli edifici più avvenieristici da lei progettati, menzioniamo l’Oasia Hotel a Singapore. Questo grattacielo è situato nel cuore della città ed è costellato da una serie di giardini verticali, studiati per avviluppare col tempo l’intera struttura. L’ambizione della sua creatrice era quella di sposare una visione di architettura green e a ridotto impatto ambientale. Il suo legame con il nostro Paese è molto forte: fra i prestigiosi atenei in cui ha tenuto lezione ci sono l’Università Bocconi e il Politecnico di Milano. Dal 2015 è Art Director di Cassina, celebre brand italiano d’arredamento e interior design.

4. Alberto Campo Baeza

Architetti Spagnoli contemporanei : 5 figure chiave del design
Restaurante Arriaga

Soprannominato l’ Architetto della Luce, Alberto Campo Baeza è nato nel 1946 a Valladolid, nel nord ovest della Spagna. Nipote di architetto, si appassiona a quest’arte già da ragazzo grazie al nonno. Si laurea a Madrid presso la Scuola di Architettura dell’ Università Politecnica. I suoi primi lavori vedono la luce proprio nella capitale spagnola, dove progetta soprattutto scuole ed edifici pubblici.

Negli anni ’80 e ’90 si afferma come uno dei più visionari architetti suoi contemporanei: nelle sue opere risalta l’importanza preponderante della luce, nella definizione e nello sviluppo dei suoi edifici. Luce e bianco: alcuni dei suoi progetti principali sono realizzati partendo dal ruolo essenziale di questo colore per rendere essenziali e lineari le superfici e le strutture.

Un esempio della sua filosofia costruttiva è dato dal MA, il Museo della Memoria dell’Andalusia a Granada, un edificio realizzato nel 2001 come celebrazione dell’identità socio-culturale di questa regione spagnola.

5. Guillermo Vázquez Consuegra

Architetti Spagnoli contemporanei : 5 figure chiave del design
Museum of Sea and Navigation di Genova

Guillermo Vázquez Consuegra è nato a Siviglia nel 1945, dove ha studiato e si è laureato presso la facoltà di Architettura nel 1972. Viene riconosciuto in ambito internazionale come uno dei maggiori esponenti dell’architettura e della progettazione del suo Paese. Nel 2016 è stato insignito con la prestigiosa Medaglia d’oro dell’Architettura, il più importante premio iberico in questo campo.

Le sue opere più celebri sono proprio situate in terra natia: ricordiamo il Museo di Archeologia Subacquea di Cartagena, il Muvim di Valencia e il World Car Center di Vigo. Anche in Italia abbiamo un’opera realizzata da Guillermo Vázquez Consuegra: si tratta del Galata, il museo dedicato al mare e alla navigazione, sorto a Genova nel 2004. Numerosi suoi progetti sono legati all’edilizia popolare di alcune importanti città spagnole, come Cadice e Madrid.

Galleria idee e foto di architetti spagnoli contemporanei

Ecco alcuni dei più belli ed avveniristici edifici degli architetti spagnoli contemporanei. Forme, strutture e geometrie che fanno amare gli architetti iberici anche al di là dei confini nazionali.