Decorare con lo Stile Minimalista: Guida Pratica per un Look Pulito ed Elegante

Autore:

Lo stile minimalista è sempre un’ottima scelta di arredo e decorazione, ottenendo con poche semplici mosse una forte coerenza tra continuità cromatica, semplicità e gran gusto. Il minimalismo nasce negli anni ’70 in forte contrasto con le forme d’arte precedenti, riducendo al minimo gli elementi di estrosità e ispirandosi al monocolore e alle figure semplici e fredde.  È un’ottima alternativa per gli spazi ridotti, dando subito una sensazione di ordine, rigore e precisione. Non solo arredo e architettura ma anche l’arredo può seguire lo stile minimalista: dai parati, ai divani fino all’oggettistica, dona subito gran gusto anche agli ambienti più ridotti o in condivisione. Il primo step per un look pulito ed elegante è scegliere colori tenui, che rispettino poi in ogni elemento la scala cromatica in successione o in contrasto.  È possibile scegliere il total white e abbinarci degli elementi in nero o in dorato, ancora la scala di grigi o beige con le finiture in acciaio. E se proprio non si riesce a fare a meno di una nota di colore, la si può aggiungere con un cuscino sul divano, un vaso o un quadro cromaticamente più deciso. Anche la scelta dei materiali ha enorme importanza: per un impatto minimalista importante, è bene preferire il vetro, il legno, la ceramica, il marmo o l’acciaio mentre per i tessuti l’immancabile cotone o l’elegante lino abbinandone al massimo due diversi. L’arredamento può seguire forme geometriche precise con elementi non troppo ingombranti ma soprattutto comodi e funzionali, senza lasciare spazio a orpelli e soprammobili polverosi, valorizzandoli dall’esposizione della luce naturale o da led freddi. Un’idea nuova che sta ottenendo molto successo nel mondo del design è quella degli elementi sospesi, in particolar modo per gli ambienti più ridotti, fortemente scenici ma anche funzionali e salva spazio. Anche le pareti possono essere attrezzate mantenendo la coerenza dello stile e dell’influenza scelta, seguendo le indicazioni della scala cromatica e l’abbinamento con le finiture preferite.