Rovini il tuo loft se vuoi dipingere e fai questi 3 errori

Il loft è considerato un luogo “secondario” della nostra casa. Tuttavia, è una camera, anche piuttosto ampia, che invece deve essere trattata  in un certo modo, mediante una pittura delle pareti che sia consona alle sue caratteristiche. Nell’articolo di oggi andremo a vedere almeno 3 errori che molti di noi commettono e che possono essere tranquillamente evitati.

Galleria foto ed immagini

Dipingere un loft: 3 errori da non sottovalutare

Il loft è un ambiente della casa spesso sottovalutato, ma comunque gettonato da vecchie e nuove generazioni. Già perché, nonostante tutto, questo luogo si dimostra pratico e funzionale ad una serie di mansioni, ad esempio può fungere da mansarda o semplicemente può essere integrato da un soppalco diventando una sorta di soggiorno.

Dunque, facciamo riferimento a un luogo che nella maggior parte dei casi si rivela spazioso e luminoso, oltre che fortemente personalizzabile con una serie di quadri o mobili. Ma per avere un loft che non provochi problemi, come ad esempio la formazione di muffa (nel peggiore dei casi) o di altro, deve essere pitturato in un certo modo, con uno o più strati di vernice che siano disposti correttamente e che abbiano un certo spessore. Nel compiere quest’attività, tuttavia, ancora tantissime persone commettono degli errori banali che potrebbero essere evitati.

Il loft in qualità di luogo a cui dobbiamo iniziare a dare il giusto credito merita il giusto trattamento. Quindi, una vernice adeguata destinata alla parete è solo uno dei tanti aspetti che devono essere curati affinché si possa godere di questo luogo spazioso.

Nell’articolo di oggi andremo a vedere almeno 3 errori da non commettere mentre si pitturano le pareti del loft.

Dipingere un loft: 3 errori da non sottovalutare

1. Non usare una vernice adeguata

Dipingere un loft: 3 errori da non sottovalutare

Accanto al pennello, di cui parleremo nel terzo paragrafo, la vernice è l’elemento principe che non può essere sottovalutato. Purtroppo, ancora oggi molte persone ritengono che le varie tipologie di vernice siano tutte uguali; invece è bene conoscere le caratteritiche delle varie tipologie di pitture che esistono sul mercato per fare una scelta funzionale al nostro loft.

Sembrerebbe un consiglio tanto logico quanto banale, ma è chiaro che la scelta di una pittura di alta qualità faciliterà il lavoro in maniera impressionante. Per dare nuova luce al loft è bene dunque fare affidamento ad una pittura dotata di pigmenti adatti al muro, ma questo vale generalmente per tutti gli ambienti di casa. Inoltre, vi consigliamo anche di ascoltare il parere di un imbianchino, in quanto è l’unico che conosce tutti i trucchi del mestiere!

2. Avere fretta

Dipingere un loft: 3 errori da non sottovalutare

Avere fretta, soprattutto nei lavori della nostra casa, non è mai consigliato. Anzi, se dobbiamo necessariamente fare dei lavoretti interni, come appunto dipingere un loft, è bene prenderci almeno una giornata per lavorare senza pressioni con l’obiettivo di completare il tutto in almeno 24 ore. La fretta gioca brutti scherzi e ci provoca non pochi problemi quanto alla pittura delle pareti.

Uno degli errori più evitabili è quello di non aspettare che gli strati della pittura si asciughino per bene. La fretta ci spinge a mettere strati su strati con la speranza che questi si secchino in pochi minuti; ed invece, al contrario, questi non aderiranno per bene alla superficie. Dunque, è bene aspettare almeno un quarto d’ora, a volte anche più, permettendo alla pittura di distendersi meglio sopra la superficie. Del resto, basta leggere le istruzioni della vernice per conoscere nel dettaglio i tempi di asciugatura tra una mano e l’altra.

3. Non scegliere pennelli adeguati alla parete

Dipingere un loft: 3 errori da non sottovalutare

Lo strumento più importante, cui abbiamo accennato prima nell’introduzione, per dipingere il nostro loft è il pennello. L’errore che molti commettono è quello di sottovalutarlo: ed invece è fondamentale differenziare i vari tipi di pennelli, perché ognuno di questi ha determinate caratteristiche adatte a questa o quella superficie.

Di pennelli infatti ne esistono di diversi tipi. Per ogni tipologia di parete ne esiste uno con setole specifiche che si dimostra adatto. Per un loft consigliamo di usare quello che gli imbianchini usano solitamente per pitturare ambienti come cucine o soggiorni, ossia la pennellessa: una sorta di pennello più grande del normale che riesce ad operare su superfici ampie come appunto quelle di un loft.

La pennellessa è un ottimo modo per evitare di commettere l’errore banale di usare un pennello semplice. Coprendo superfici più o meno grandi ed essendo dotata di una sezione rettangolare, infatti, riesce a raggiungere in un solo colpo più parti della parete. Un modo niente male per ultimare al meglio il proprio lavoro. Come alternativa alla pennellessa consigliamo di usare un rullo, un altro tipo di accessorio che però è molto più limitato quanto a capacità di copertura.

Galleria idee e foto di dipingere un loft

Insomma, avete ben capito che sottovalutare la pittura del proprio loft fa non è affatto consigliabile, sia per il luogo in sé, sia per il resto dell’abitazione. Facendo tutto a regola d’arte, prendendosi i tempi giusti e scegliendo i materiali più consoni si andranno ad evitare screpolature o situazioni di disagio per le quali occorreranno lavori di manodopera aggiuntivi e costosi. Date uno sguardo alla nostra fotogallery per rinfrescarvi la memoria!