Come dividere ambienti pitturando le pareti

Nicola Spisso
  • Studi in Ingegneria Edile - Architettura

Con la crescente popolarità degli open space aumenta la necessità di dividere visivamente l’ambiente, allo stesso modo anche appartamenti classici possono richiedere la necessità di distinguere le diverse aree funzionali con l’uso del colore. Vediamo come bilanciare efficacemente lo spazio, valorizzare un angolo, migliorare l’estetica e aggiungere funzionalità all’ambiente.

Galleria foto ed immagini

Come dividere ambienti pitturando le pareti

Quando si parla di layout l’open space è onnipresente negli ultimi anni tra le scelte di chi acquista casa nuova, ma anche di chi cambia casa e sceglie la formula dell’affitto. Se questa tipologia di appartamento ha stregato anche te, ti troverai a gestire un ambiente che racchiude quasi tutte le stanze in un’unica soluzione.

La prima cosa da considerare per rendere visivamente divisi gli spazi, se non si vuole agire con pareti divisorie che occupano centimetri essenziali, è scegliere colori diversi da adoperare in modo da organizzare e gestire meglio le varie zone.

Stessa cosa può avvenire anche per appartamenti classici in cui tra una stanza e l’altra non esiste una porta a separare, ma soltanto l’apertura molto spesso più ampia del normale, per aiutare il passaggio della luce quando non sono disponibili ampie finestre e balconi.

La domanda fondamentale è dunque: Come usare due colori per separare visivamente più ambienti? e generalizzando la stessa, possiamo dire: Come dividere gli ambienti pitturando le pareti? Per aiutarti in questa non semplice impresa vedremo ambienti separati in tanti modi differenti, tutti basati sull’utilizzo sapiente di due o più colori per le pareti.

Dividere gli ambienti in box (scatole quadrate e rettangolari)

Come dividere ambienti pitturando le pareti

Iniziamo immaginando l’ambiente che vogliamo separare, privo di arredo e con sole le pareti ed i dettagli di quest’ultime.

A questo punto il nostro modo di ragionare semplificato si traduce nel visualizzare la geometria degli ambienti. Principalmente dobbiamo immaginare le diverse stanze come delle scatole tridimensionali l’una accostata all’altra oppure l’una all’interno dell’altra.

Tutte le finestre, balconi, vani porta possiamo pensarli come piccole buche all’interno della nostra scatola.

Mentre elementi che sembrano emergere dalla parete, tipo pilastri, travi vanno considerate come elementi estranei alla superficie della scatola.

In particolare direi che ogni scatola deve conservare un colore distinto, tutti gli elementi scavati all’interno di essa, conservano anch’essi lo stesso colore, mentre gli elementi esterni ad essa possono avere colori differenti.

Separare ambienti diversi per superfici piane

Come dividere ambienti pitturando le pareti

Il caso proposto inizialmente va inteso in modo diverso, quando non si hanno diverse “scatole” ma si vuole dividere la stessa scatola solo tramite colore.

In questo caso non si ragiona più per box quadrati e rettangolari, bensì per superfici piane.

Ogni scatola ha 4 superfici ed il nostro consiglio è di conservare una proporzione di colore 3 ad 1. Ovvero tre pareti dello stesso colore ed una quarta che stacca con un altro colore.

In alcuni casi consigliamo anche la proporzione 2 a 2, ovvero quando su una delle pareti vi è un pilastro che stacca, in questi casi si può estendere il colore di quell’unica parete anche a quella adiacente fino al pilastro.

L’importante è sempre tenere conto di quelle proprietà dette in precedenza riguardo finestre, porte, pilastri e pareti e muretti.

Creare un angolo dedicato al relax

Come dividere ambienti pitturando le pareti

Le zone indicano quale area della tua stanza è dedicata a una determinata attività, alcune sono ovvi come ad esempio la cucina e il salotto, altre potrebbero essere meno evidenti e confondersi come l’angolo relax nel living. Questo è il punto dove ci si può rilassare leggendo un libro o sorseggiando un buon caffè o ancora ascoltando della buona musica.

Basta dipingere quello spazio circoscritto di un colore adatto alla funzione che andrà a ricoprire e aggiungere una comoda poltrona ergonomica o un morbido pouf con una piantana e un soffice tappeto di pelo. Consigliati per l’angolo relax sono i colori pastello, principalmente il verde acqua, il salvia, il sabbia, l’azzurro per la loro intrinseca capacità di trasmettere sensazioni di benessere alla mente.

Separare ambienti diversi con colori brillanti

Come dividere ambienti pitturando le pareti

Prendiamo il caso in cui tra i tuoi colori preferiti ci sono tutte le sfumature più brillanti e l’ambiente da dividere è quello della cucina dal soggiorno, allora la difficoltà consiste nel bilanciare il colore acceso, ad esempio il giallo, con un altro che deve necessariamente essere complementare ma molto più soft.

Il muro divisorio di questo ambiente è proprio quello che va ad ammorbidire l’effetto acceso del giallo, offrendo un comodo angolo per il divano, attraverso l’uso dei mattoni grezzi che con il loro colore naturale, che spazia dal marroncino al rossiccio, creano un elegante contrasto dall’animo rustico.

Separare ambienti diversi con il black&white

Come dividere ambienti pitturando le pareti

Non riusciamo a pensare a due colori più famosi del bianco e del nero. Sebbene questa combinazione sia la più classica di tutti i tempi, è quella che garantisce sempre un’ottima riuscita in qualsiasi ambito venga adoperata.

Si tratta di un mix facile da incorporare anche in una zona notte per evidenziare l’area studio/lavoro (in cui è preferibile per motivi di luminosità e concentrazione adoperare il bianco), dividendola visivamente dalla parte che andrà ad ospitare il letto.

Galleria idee e foto ambienti separati da colori pareti

Avete trovato questo articolo interessante? Potete rivedere queste e altre diverse soluzioni nella nostra galleria fotografica.