Scegliere il box doccia: 5 errori da evitare

Il box doccia è uno degli elementi più importanti del bagno. Ecco perché bisogna sceglierlo con cura evitando gli errori che potrebbero costarci cari. Occhio, quindi, ad aspetti importanti come la sua collocazione, i materiali che lo compongono e la compatibilità dei vari modelli con il nostro ambiente!

Galleria foto ed immagini

Scegliere il box doccia: 5 errori da evitare

Box doccia o vasca? Questa è indubbiamente una delle prime domande che ci poniamo quando dobbiamo realizzare ex novo il bagno di casa. Quando, però, sappiamo già di volere il box doccia (o vogliamo sostituire quello vecchio) dobbiamo procedere, nello sceglierlo, con la giusta cautela. Incappare in un errore, infatti, è molto più facile di come si possa pensare!

Se l’aspetto estetico sarà indubbiamente la prima cosa da cui ci faremo catturare, è completamente inutile farsi guidare solo da questo.

Valutiamo bene dove posizionarlo (se si tratta di una nuova installazione), optiamo per materiali che ci garantiscano la giusta sicurezza e preveniamo tutti i fattori che possono danneggiare il box nel tempo, costringendoci a nuovi esborsi economici. Pronto a conoscere i 5 errori più frequenti nella scelta del box doccia da cui devi assolutamente tenerti alla larga? Partiamo!

Scegliere il box doccia: 5 errori da evitare

1. Box doccia, mai scegliere a caso la collocazione

Scegliere il box doccia: 5 errori da evitare

Il box doccia va collocato, ovviamente, in bagno. Pensare, però, che qualunque angolo di quest’ultimo vada bene è uno dei primi errori che facciamo quando ci accingiamo ad acquistare un box nuovo. Benché, poi, possa sembrare un aspetto di secondaria importanza, è bene specificare che è tra gli errori più gravi e, per certi versi, irreparabili che possiamo fare in questo caso.

Il bagno, si sa, dovrebbe per sua natura essere una stanza della casa confortevole in cui non soltanto dedicarci alla nostra igiene quotidiana ma, magari, rilassare i nervi con una bella doccia dopo una giornata stressante.

La collocazione migliore è indubbiamente ad angolo. Qualora gli spazi lo consentano è anche possibile optare per una collocazione “lungo muro” considerando, però, che tale scelta contribuirà a far sembrare ancor più piccolo l’ambiente.

Evitiamo categoricamente di posizionare il box doccia nelle immediate vicinanze della finestra (cosa che in molti fanno nell’errata convinzione di ridurre l’umidità). In questo modo, infatti, andremo a togliere al bagno moltissima luce essendo quindi costretti a sopperire artificialmente. Risultato? Una bolletta elettrica inutilmente più alta!

2. Box doccia acrilici? No grazie!

Scegliere il box doccia: 5 errori da evitare

Altro errore importante che facciamo quando scegliamo il box doccia è quello di non dare la giusta importanza al materiale di cui è fatto. Cosa significa? Se è vero che i box acrilici sono molto più economici e risultano, quindi, molto “attraenti”, è anche vero che in alcuni casi rappresentano una scelta errata. L’acrilico, infatti, è un materiale che, in caso di rottura, è molto tagliente e può provocare ferite importanti.

Impensabile, quindi, scegliere un box di questo tipo specie se si hanno in caso persone con disabilità o bambini. Meglio, quindi, optare per materiali più sicuri quali, al primo posto, il vetro temperato.

Qual è la differenza con l’acrilico? Nel momento della rottura eventuale, non avremo a che fare con pericolosissime schegge dal momento che il vetro andrà in frantumi piccolissimi e molto più innocui. La sicurezza prima di tutto!

3. Box doccia walk-in: forse sì, forse no

Scegliere il box doccia: 5 errori da evitare

Quanto sono affascinanti i box doccia walk-in, vero? Sì, è così ma è altrettanto vero che si tratta di una tipologia che, in determinate condizioni è davvero sconsigliato. Eh già: un altro degli errori che si fanno più frequentemente è quello di scegliere ed acquistare il box doccia senza considerare i livelli di isolamento termico della nostra casa/appartamento.

Quale modello è più consigliato per le abitazioni site in zone particolarmente fredde, in cui non vi è il riscaldamento autonomo e dove il sistema di infissi non isola alla perfezione? In una situazione di questo tipo, comune a molti, è bene levarci immediatamente dalla mente l’idea di un box walk-in.

Sebbene, difatti, questi modelli siano il massimo dell’eleganza e diano al bagno quel tocco in più, non possiamo esimerci dal considerare che, essendo “aperti” ci faranno sentire più freddo quando utilizzeremo la doccia (sensazione davvero poco piacevole!).

4. Non impermeabilizzare correttamente il box doccia

Scegliere il box doccia: 5 errori da evitare

Impermeabilizzazione: un termine importantissimo quando si tratta di sicurezza e benessere in casa. Molte volte, i più, nello scegliere un box doccia si fanno convincere più dall’estetica che da altri fattori: sbagliatissimo! Non pensare all’impermeabilizzazione è un errore che, con il tempo, si pagherà molto più caro di quanto si possa soltanto immaginare dato che l’umidità crea danni importanti.

Soprattutto se il nostro bagno è più piccolo e quindi vapore ed umidità non trovano una giusta “via di fuga” è indispensabile pensare a dei rivestimenti impermeabilizzanti. Nel caso in cui dovessimo dimenticarci di questo punto corriamo un rischio molto grave: quello che il box si rovini in breve tempo richiedendo una nuova spesa per essere sostituito.

5. Scegliere il box doccia trascurando la privacy

Scegliere il box doccia: 5 errori da evitare

Quando facciamo la doccia o, comunque, ci stiamo concedendo un momento di sana “ricarica” all’interno del bagno di casa, desideriamo la giusta privacy. Stare soli con noi stessi e non sentirci osservati è importante per riuscirci a rilassare appieno. Perché questo non dovrebbe essere valido anche nel caso del box doccia?

Prima di effettuare l’acquisto, quindi, soffermiamoci a riflettere su questo punto. Per avere una maggiore privacy all’interno del box e nasconderci dagli sguardi di chi, magari, entra in bagno mentre ci stiamo lavando, potrebbe essere utile scegliere un box dalle pareti satinate. Queste creeranno l’effetto nebbia e ci daranno una maggiore riservatezza.

Vale la pena, su questo punto, fare una precisazione. Molto spesso questo è un aspetto a cui non facciamo caso. Se, però, vogliamo porvi rimedio in un momento successivo all’acquisto, possiamo farlo con tutta tranquillità. In commercio, difatti, esistono diversi stickers per pareti del box che, una volta applicate, avranno lo stesso effetto del satinato. Attenzione, però, alla qualità! Quanto acquisteremo dovrà essere indicato per il bagno: in caso contrario, l’umidità farà staccare gli stickers già dopo la prima doccia!

Galleria idee e foto per scegliere il box doccia

Hai capito bene quali sono i principali errori da non compiere durante la scelta di un box doccia? Puoi rinfrescarti la memoria passando in rassegna le immagini che ti abbiamo proposto.