Le energie rinnovabili potrebbero salvarci la vita: ecco perché

Autore:
Elisabetta Berra

Secondo studi recenti e autorevoli, sarebbero 5 milioni e oltre le morti annuali causate dal pericoloso impatto collaterale dei combustibili fossili, connesso all’inquinamento dell’aria. Queste vite avrebbero potuto essere risparmiate con il passaggio alle energie rinnovabili. Attuando ciò, i dati futuri potrebbero essere completamente differenti da quelli attuali.

Galleria foto ed immagini

Guarda il video

Ecco perché le energie rinnovabili potrebbero salvarci la vita
Photo by winterseitler – Pixabay

Secondo una recente ricerca pubblicata sul British Medical Journal, ogni anno si arriverebbe a un numero di almeno 5,13 milioni di morti causate dall’inquinamento dell’aria per colpa dell’uso massivo dei combustibili fossili.

Secondo gli studiosi, più dell’80% di questi decessi potrebbe essere evitato con la totale scomparsa delle emissioni nocive. L’eliminazione graduale di gas, carbone e petrolio, con il passaggio al rinnovabile dunque, potrebbe avere un incredibile impatto sulla riduzione delle morti causate dall’inquinamento atmosferico.

La questione dei combustibili fossili

Ecco perché le energie rinnovabili potrebbero salvarci la vita
Photo by marcinjozwiak – Pixabay

Circa l’80% dell’energia mondiale è fornita, allo stato attuale, dai combustibili fossili, come gas, petrolio e carbone. La loro combustione però, causa il rilascio nell’atmosfera di pericolosi gas serra inquinanti e anidride carbonica. Il peggioramento delle condizioni di inquinamento atmosferico e il cambiamento climatico sono dovuti all’alto tasso di emissioni nocive.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha da tempo richiamato l’attenzione sull’ impatto dell’aria inquinata salute e sulle milioni di morti ogni anno. Che la qualità dell’aria migliori è quindi fondamentale non solo per lo sviluppo sostenibile del pianeta ma per la stessa salvaguardia dell’umanità. E questo si potrebbe ottenere sostituendo l’alimentazione energetica da fonti fossili con quella da fonti rinnovabili come le biomasse, il fotovoltaico, l’eolico.

La recente indagine

Ecco perché le energie rinnovabili potrebbero salvarci la vita
Photo by JuergenPM – Pixabay

La recente indagine è stata condotta con l’obiettivo di incentivare la riduzione delle emissioni inquinanti ponendo l’accento sull’impatto positivo che le azioni avrebbero per la salute pubblica. Gli studiosi hanno però puntualizzato anche il fatto che il tutto andrebbe attuato entro il 2050, questione sulla quale si dovrebbe lavorare a partire da adesso, dato che le azioni pare siano ostacolate dalla poca cooperazione globale e da politiche tariffarie.

Lo studio ha preso in esame l’utilizzo dei combustibili fossili nell’industria, nei trasporti, nell’energia residenziale e a riguardo dell’incenerimento dei rifiuti. Per quanto riguarda le stime del rischio di mortalità, sono stati presi in considerazione i dati di studi epidemiologici connessi all’effetto dell’inquinamento dell’aria in soggetti in condizioni di rischio.

Sono state prese a campione persone sopra i 25 anni di età con dieta non equilibrata e fumatrici. Sono stati presi in considerazione anche le infezioni alle vie respiratorie in bambini con età sotto i 5 anni.

I risultati hanno suddiviso le morti in un numero principale di 6 casistiche: ictus, infarto, diabete, tumore ai polmoni, malattia polmonare cronica.

Il passaggio al rinnovabile

Ecco perché le energie rinnovabili potrebbero salvarci la vita
Photo by Pexels – Pixabay

Il passaggio al rinnovabile, la transizione a fonti di energia pulita in sostituzione dei combustibili fossili, potrebbe nettamente ridurre dati e casistiche elencati in precedenza. Se così fosse, nei prossimi decenni si potrebbe assistere a un incredibile cambiamento.

Milioni di vite potrebbero essere salvate dai terribili effetti mortali dell’inquinamento atmosferico e, nello stesso, si potrebbe porre un limite all’aumento della temperatura terrestre.

Ecco perché le energie rinnovabili potrebbero salvarci la vita: foto e immagini