Stile shabby chic: come arredare la cucina

Con i suoi colori tenui e la sua allure vintage, lo stile shabby chic può essere di ispirazione anche per arredare la cucina. Ecco tante idee e altrettanti spunti per decorare una cucina shabby chic, con vibes country e retrò.

stile-shabby-chic-cucina-13

Lo stile shabby chic è uno dei più amati, tra le tendenze dominanti del panorama design e arredamento di questi ultimi anni. Tuttavia, spesso anche ai più esperti e appassionati all’argomento sorgono dei dubbi su come arredare in questo stile alcuni ambienti della casa, in particolar modo la cucina.

Naturalmente, le possibilità si sprecano. L’importante, come sempre quando si parla di arredare la propria casa, è assecondare il gusto personale di ognuno e tenere conto di alcuni accorgimenti che ci permettono di dare vita ad ambienti armoniosi e coerenti l’uno con l’altro, senza discrepanze o incongruenze esteticamente sgradevoli o comunque poco convincenti. Materiali e colori sono gli elementi che più fanno la differenza, ma bisogna fare attenzione anche ai suppellettili e agli elettrodomestici.


Leggi anche: Come arredare un bilocale di 40 mq in stile shabby chic

Arredare una cucina in stile shabby chic non è una missione impossibile: l’ispirazione è quella country e Vittoriana, dall’inconfondibile allure retrò. Non a caso, molti amanti del genere optano per cucine shabby chic usate (se ne trovano anche di piuttosto economiche), da personalizzare con il riuso. Questa non è l’unica opzione, a maggior ragione se si preferisce una cucina in stile shabby chic moderno.

Catalogo AUREA_12.indd

Stile shabby chic: le caratteristiche

Prima di addentrarci nel variegato mondo delle cucine shabby, cerchiamo di fare chiarezza su cos’è davvero lo stile shabby chic e quali sono le sue principali caratteristiche. Il termine shabby chic è stato utilizzato per la prima volta nel 1980 da una nota rivista britannica, The World of Interiors. Tra le pagine della rivista si parlava di questo stile facendo riferimento a una rivisitazione glam del classico shabby, nato in Gran Bretagna durante il periodo Vittoriano.

All’epoca, infatti, i nobili amavano arredare le loro case di campagna in modo particolareggiato e ricco di fronzoli, a partire dalla sovrabbondanza di pizzi e merletti. Lo shabby chic altro non è che una reinterpretazione di questo stile che si fregia di elementi inconfondibili come mobili in legno bianco o comunque chiaro ricchi di intarsi e dalle linee curve e tondeggianti. Shabby chic significa “trasandato elegante”, un ossimoro che negli ultimi anni ha attirato sempre più consensi e che continua a dominare le tendenze di arredamento.

stile-shabby-chic-cucina-9

I colori della cucina shabby chic

Così come previsto dallo stile shabby chic, anche la cucina deve essere declinata in una palette cromatica chiara. Il colore delle pareti è preferibilmente bianco o color uovo, ma a prescindere dai gusti in ogni caso tenue. C’è anche chi predilige pennellate pastello, in verde Tiffany o in rosa cipria.


Potrebbe interessarti: Idee per un divano in un soggiorno shabby chic

Anche i mobili rispondono a queste caratteristiche e vanno scelti chiari tenendo conto del codice stilistico shabby. Eventualmente, potete decidere di conferire un tocco di colore in più alla vostra cucina shabby chic optando per complementi d’arredo tessili in tonalità più vivaci, a partire per esempio dalle tende sino ai classici canovacci da lasciare rigorosamente in bella vista, che fuoriescono “distrattamente” da un cassetto o penzolano dallo sportello del forno.

stile-shabby-chic-cucina-7

Mobili e complementi d’arredo immancabili

La scelta del colore e del materiale dei mobili è fondamentale al fine di arredare una perfetta cucina shabby chic. Come abbiamo già anticipato, è il legno il materiale principe, quello più utilizzato in epoca Vittoriana e, di conseguenza, anche più usato nello shabby chic. Le linee da preferire sono arzigogolate e strutturate, tondeggianti e ricche di particolari, a partire dagli intarsi.

Per quanto riguarda le pareti, scegliete sempre una tonalità neutra e chiara come il bianco e il beige oppure, in alternativa, una nuance pastello. L’effetto raschiato è di grande tendenza per lo shabby chic moderno, purché non sia esagerato ma solo accennato. Scegliete piastrelle vintage per i pavimenti, anche se l’ideale sarebbero il parquet, la pietra naturale o comunque un gres effetto pietra che richiami le case di campagna britanniche di fine ‘800.

Tra i mobili da avere assolutamente c’è la credenza, eventualmente da sostituire con una piattaia shabby dove poter mettere in mostra i propri servizi di piatti più belli. Insieme ad altri oggetti come set di tazzine, ceramiche bianche e soprammobili sono indispensabili per ricreare la giusta atmosfera. Non dimenticate fiori di campo freschi da disporre in vasi di vetro e un grande lampadario chandelier shabby. Preferite le luci calde e fioche, più adatte allo stile shabby rispetto a quelle fredde.

Le regole cambiano, naturalmente, se desiderate una cucina in stile shabby chic moderno. I colori si fanno più accesi e intensi (con lampade ed elettrodomestici scelti ad hoc, per esempio) e gli accenti vintage meno marcati, in favore di una maggiore personalizzazione e e contaminazione di stili.

stile-shabby-chic-cucina-8

Stile shabby chic, come arredare la cucina: immagini e foto

Arredare una cucina in stile shabby chic non è poi così difficile seguendo i giusti accorgimenti. Se avete trovato utili i nostri consigli, date un’occhiata alla galleria di immagini di seguito: vi attendono tante immagini di cucine shabby chic, da quelle più retrò e squisitamente country a quelle in shabby chic moderno.

Maria Teresa Moschillo
  • Laurea in Editoria, informazione e sistemi documentari
  • Autore specializzato in Design, Lifestyle, Tendenze
Suggerisci una modifica
Commenti Espandi

Lascia una risposta

Accedi per lasciare un commento.

Iscriviti alla Newsletter

Vuoi seguire le novità in tema di casa, design, vedere le migliori idee per arredare, dipingere e tanti altri contenuti originali. Registrati gratuitamente alla nostra newsletter