Stile arabo: 9 nuove regole rivoluzionarie

Elisabetta Coni
  • Perito per il turismo

Il moderno che si unisce all’antico con atmosfere di sogni lontani: rivivete la favola di Aladdin o de Le Mille e una Notte in soggiorno, ingresso, cucina, sala da pranzo, zona notte e bagno. Stile arabo: 9 nuove regole rivoluzionarie e risparmio.

Stile arabo: 9 nuove regole rivoluzionarie e risparmio

Galleria foto ed immagini

Molte persone sono convinte che arredare in stile etnico sia sinonimo di arredare in stile arabo. Non sempre è così: l’arredo arabo porta un tocco di eleganza e fascino di altri tempi, immersi nella favola de “Le Mille e una Notte”. Mentre lo stile etnico può essere arabo, cinese, giapponese, africano o indiano, lo stile arabo è il perfetto esempio di design dove è enfatizzato lo sfarzo. Appariscente, prezioso e sicuramente esotico, ottimo per decorare soggiorno, ingresso, cucina, sala da pranzo, zona notte e bagno.

Mobili decorati e decisamente appariscenti, colori sfarzosi, brillanti, caldi e decisi, tessuti pregiati per sottolineare la morbidezza, decorazioni ed elementi architettonici presi dalla cultura araba con influenze greche, italiane, spagnole e francesi. Scopriamo insieme stile arabo: 9 nuove regole rivoluzionarie e risparmio.

Stile arabo: 9 nuove regole rivoluzionarie e risparmio

1. Stile arabo: colori neutri e forti

Stile arabo: 9 nuove regole rivoluzionarie e risparmio

In un ambiente dallo spiccato stile arabo, la prima caratteristica che non passa inosservata è senza ombra di dubbio il tripudio di colore. Ma attenzione, perché questi non sono certo scelti a caso. In primis, in un ambiente ci sarà un neutro che aprirà le danze, su cui si baseranno le altre sfumature molto più forti. Nonostante queste ultime catturino l’attenzione, i toni neutri caldi danno quell’equilibrio che serve.

Ocra, arancione bruciato, rosso mattone e immancabili dettagli oro sono utilizzati per dare una colorazione intensa allo spazio, senza dimenticare la luminosità. Attenzione perché lo stile arabo predilige anche i toni freddi come turchese, verde smeraldo, prugna, melanzana, cioccolato, corallo, ruggine, cannella o curry. Per uno stile arabo moderno, potete puntare sul bianco.

2. Stile arabo: dettagli preziosi

Stile arabo: 9 nuove regole rivoluzionarie e risparmio

Se i toni terrosi li ritroviamo su pareti, pavimenti, arredi, accessori e complementi, lo stesso si può dire dell’oro e, in generale, degli accenti preziosi. Oggetti e dettagli sono rigorosamente dorati o argentati, sfarzosi. Un bel vaso dorato, mosaici che brillano, servizi di argenteria in bella vista. Tutto deve catturare l’attenzione e mostrare lo sfarzo, soprattutto a tavola.

3. Stile arabo: i materiali

Stile arabo: 9 nuove regole rivoluzionarie e risparmio

A differenza dell’Occidente, gli Arabi non usavano i mobili. Era di uso comune sedersi su cuscini o panche basse, cibo e bevande si servivano su piatti fatti di ottone o rame. Nell’arredo arabo moderno, il legno la fa da padrone, soprattutto se intagliato. I legni più gettonati sono di palissandro o noce, ma anche limone o pesco. Non è raro trovarci anche gemme incastonate o madreperla.

Anche il metallo è utilizzato, soprattutto per la struttura di sedute, tavolini o accessori. I famosi specchi e i servizi da thè ne sono la prova.

4. Stile arabo: le decorazioni

Stile arabo: 9 nuove regole rivoluzionarie e risparmio

Strettamente legato ai materiali come decorazioni per rivestire le pareti, pavimenti, e piani di appoggio, lo stucco va per la maggiore. Seguono materiali preziosi come mattoni figurati, piastrelle in maiolica, pietre, alabastro, marmo e vetro per mosaici e, soprattutto, gli intarsi. Per rendere tutto prezioso, tutti sono rigorosamente intagliati o decorati a mano da artigiani validi, che usavano riprodurre motivi geometrici o astratti.

5. Stile arabo: i tessuti

Stile arabo: 9 nuove regole rivoluzionarie e risparmio

Altro elemento grande protagonista dell’arredo arabo: i tessuti. Seta, cachemire e velluto per uno stile più raffinato, lana di agnello, capra o cammello per uno stile più rustico, intrecciati a mano. I tessuti d’arredo sono usati per dare un tocco in più di calore e per definire la profondità. Pareti e soffitti vengono rivestiti in tessuto, realizzando un effetto tenda e rappresentando proprio le tende dei beduini che vagano nel deserto.

Ottima accortezza se avete poco budget e volete far risaltare un tavolo, o ricoprire degli spazi vuoti con degli arazzi, per un arredamento etnico chic. Immancabili i tappeti persiani che si alternano ai cuscini da pavimento o le tende con mantovane a sciarpa soprattutto per i letti a baldacchino.

6. Stile arabo: archi, colonne e mashrabiya

Stile arabo: 9 nuove regole rivoluzionarie e risparmio

Non solo tessuti e arredamento, bensì anche elementi architettonici di pregio per evidenziare bene uno stile arabo nell’ambiente. Insieme ai tessuti e alle tende, fungono da decorazione ma aiutano a definire bene la suddivisione delle zone in caso di un grandissimo ambiente. Stiamo parlando di nicchie, archi, colonne o mezze colonne: il must have per lo stile arabo. L’arco lo potete usare come decorazione, ad esempio, sopra una finestra sopraelevata o una nicchia.

Alternativa a questi elementi? La mashrabiya, una griglia stretta. La potete notare in finestre e balconi. Era un sistema per ventilare le stanze e utile per le donne che osservavano il mondo esterno, senza incontrare sguardi indiscreti. Ora è utile per decorare e giocare con la luce.

7. Stile arabo: l’illuminazione

Stile arabo: 9 nuove regole rivoluzionarie e risparmio

Il punto focale di un ambiente in stile arabo? Il lampadario! Se dovete decorare un salotto, cercatene uno sfarzoso, con linee curve e decorazioni. Oppure, perché non riempire casa ed esterni con lanterne caratteristiche, con metallo graticcio? Appese, poggiate a terra o semplicemente per dare un tocco di decorazione in più. Anche le candele sono utilissime sia come decorazione, sia per creare atmosfera unitamente alle lanterne.

Nello stile arabo moderno, non potete fare a meno della luce modulabile. Affidatevi alla domotica e controllate l’intensità con un dimmer.

8. Stile arabo: attenzione ai dettagli

Stile arabo: 9 nuove regole rivoluzionarie e risparmio

Lo stile arabo antico potrebbe cozzare con quello più moderno e contemporaneo, utile per chi magari vorrebbe un tocco di colore ma non gli eccessi. Assicuratevi di scegliere mobili su misura, adatti al tema per forme e decori. Ricordatevi che non potrete fare a meno dei tappeti: i musulmani non indossano le scarpe esterne dentro casa, bensì vagano a piedi nudi. Coprite l’ambiente con i tappeti che più vi piacciono e che si abbineranno meglio al vostro progetto.

9. Stile arabo: Hammam in bagno

Stile arabo: 9 nuove regole rivoluzionarie e risparmio

L’arredamento arabo in bagno significa trasformarlo in Hammam. Basta solo una vasca da rivestire con piastrelle arabesche e linee morbide con tocchi dorati, magari come accento. Ovviamente, lo spazio non è infinito quindi se non avete possibilità di creare dei gradini, giocate con i colori e le forme per creare profondità. Usate anche i tessuti sia come biancheria da bagno, sia per le tende.

Galleria idee e foto di stile arabo

Nella nostra galleria immagini potrete benissimo sbizzarrirvi a visualizzare spunti e idee riguardo questo stile. Il suggerimento per riprodurre il tutto è quello di partire da una stanza singola, ad esempio il salotto, e proseguire con le altre. Potrete così trovare o creare un filo conduttore per unire i tasselli, i colori o le decorazioni.

Ricordatevi di differenziare tutti gli spazi con i propri tratti distintivi, architettonici e non: vedrete che non sarà difficile portare un po’ d’atmosfera arabeggiante nella vostra casa.