Come sistemare il giardino

La spinta degli ultimi anni verso la sostenibilità ambientale della nostra casa ci porta a creare e riorganizzare gli spazi verdi che abbiamo a disposizione. Vediamo come sistemare il giardino in modo elegante, sostenibile e gradevole da vivere.

come-sistemare-giardino 7

Creare un giardino ecosostenibile è possibile a tutti, anche se non si ha il pollice verde. Possiamo sistemare il nostro giardino scegliendo uno stile e una filosofia architettonica ben precisa. Ma da dove partire? Quali sono gli occorrenti? Come possiamo organizzare l’arredo del giardino?

Vediamo insieme passo per passo cosa possiamo fare per sistemare il giardino in qualsiasi periodo dell’anno. Come è ovvio, poi, ogni stagione prevede determinati accorgimenti per abbellire il giardino, piantare nuove piante e curare quelle esistenti.

come-sistemare-giardino

Il progetto del giardino

Partiamo dalla superficie che abbiamo a disposizione: in base ai metri quadri che dobbiamo sistemare, potremo valutare la quantità da dedicare al verde, alle piante e ai fiori, all’arredo con tavoli e sedie, alla zona dell’orto domestico, a una casetta per gli attrezzi e, perché no, anche lo spazio per i nostri amici a quattro zampe.


Leggi anche: Giardino verticale per interni

come-sistemare-giardino 8

La preparazione del terreno

Il terreno è la parte più importante, perché sarà l’area del giardino più vivace e in vista. Quando ci approcciamo alla cura del verde, in primis dobbiamo curare il terreno estirpando le erbacce, facendo arieggiare e concimandolo. Questo farà si che la terra riceva le sostanze necessarie per renderla fertile.

come-sistemare-giardino 19

Quale design scegliere per sistemare il giardino

Il secondo step da considerare è il design per organizzare il terreno in aiuole o meno. Saremo, così, pronti per creare la tipologia di giardino che desideriamo:

  • zen
  • moderno
  • all’inglese
  • all’italiana
  • francese e provenzale
  • country.

Giardino, Zen

Il giardino zen

Se vogliamo sistemare il giardino secondo la filosofia zen, dobbiamo conoscere le sue origini e i valori su cui si basa. Ha, infatti, origini antichissime ed è la massima espressione del rapporto armonico tra uomo e natura. L’obiettivo di questo luogo della casa rendere sacro lo spazio in cui viviamo creando un luogo di contemplazione in cui assorbire l’energia pura, raggiungendo così l’equilibrio tra mente e corpo.

Un giardino zen si basa su pochi e semplici elementi della natura, seguendo con un massimo rigore una progettazione minimalista: acqua, pietra e piante. In particolare, queste ultime hanno una loro esatta collocazione per il loro significato simbolico ed energetico:


Potrebbe interessarti: Decorazioni giardino per Halloween

  • Pietra Taido (legno)
  • Pietra Reisho (metallo)
  • Pietra Shigyo (fuoco)
  • Pietra Shintai (acqua)
  • Pietra: Kikyaku (terra).

come-sistemare-giardino 14

Il giardino moderno

Le indicazioni per sistemare il giardino secondo lo stile moderno, derivano dalle prime sperimentazioni a partire dagli anni 50 e 60. Si basa su geometrie e design puliti, lineari ed equilibrati. Questo tipo di giardino si presenta con uno stile elegante e sofisticato e i materiali principali che vengono utilizzati nell’arredo dell’area verde della nostra casa sono il legno, il cemento, il metallo. Questa triade di elementi rende il nostro giardino come un angolo di relax immersi nella natura.

Così come l’arredo viene a delinearsi con un design preciso, ordinato e curato, anche le essenze arboree che vengono scelte lo sono altrettanto. Queste, infatti, devono essere, principalmente, sempreverdi, selezionate, non per le loro naturali attitudini ma per la forma e la consistenza che devono presentare.

Il giardino moderno non è un giardino monotono e noioso, ma equilibrato: possiamo inserire aree più colorate e vivaci date dai fiori selezionati oppure dagli arredi e dagli accessori da esterno che inseriamo. Consigliato è l’utilizzo di un’area pavimentata in pietra o in legno, arricchita poi da piante tappezzanti, come il timo serpillo o l’ophiopogon che aiuta a riempire le fughe. I legni più consigliati sono quelli caldi come i legni esotici, ipè o tek.

Come sistemare il giardino

Il giardino all’inglese

Dopo aver visto due stili decisamente ordinati e formali nell’organizzazione, passiamo a un giardino dalla forma più libera e spontanea: il giardino all’inglese. Famoso nella storia dell’architettura paesaggista, questo stile ha consacrato dell’immaginario collettivo l’idea di giardino naturale, libero e armonioso. Un gusto che vede l’amore per il retrò e lo stile classico eterno e bello proprio per la sua storicità. Questa è la ragione per cui gli elementi inseriti in questo giardino rimandano a tempi andati e al culto delle rovine:

  • rovine create ad hoc
  • pietre naturali
  • piccoli ponti in legno
  • riproduzioni di templi
  • vari sparsi e ricoperti di fiori e piante
  • superfici coperte da ciottoli.

Il consiglio è di ricreare un ambiente armonioso, naturale e irregolare, con alberi, piante e fiori, ma anche con un piccolo laghetto o uno stagno, naturali o artificiali.

come-sistemare-giardino 20

Il giardino all’italiana

Un gusto che conosciamo molto bene: il giardino all’italiana in tutto il mondo viene ricreato perché riesce ad incantare e a regalare atmosfere uniche da vivere e ricreare nella propria casa. Il giardino all’italiana è caratterizzato da arbusti e siepi più basse e molto curate.

Queste ultime, in particolare, vanno a comporre disegni geometrici, piante, scale, vasi, vialetti e fontane come se fossero un museo naturale all’aperto. Implica però grande impegno nella cura delle piante che inseriamo tra le aiuole: tutto rispecchia la classicità, l’eleganza e la perfezione.

come-sistemare-giardino 22

Il giardino francese e provenzale

Sulla scia del giardino all’italiana, quello francese e provenzale si spingono maggiormente sul gusto barocco. A chi ama il romanticismo ottocentesco, è fortemente consigliato questo stile architettonico. Organizzate lunghi e ampi viali seguiti da siepi perfettamente squadrate che guidano lo sguardo verso un orizzonte prospettico. Anche qui le piante e gli arbusti vengono curati molto bene e potati per assumere forme particolari. Gli elementi decorativi sono poi il vero tocco di classe da aggiungere:

  • marmi
  • specchi
  • statue
  • vasi dal design barocco
  • fontane e giochi d’acqua
  • siepi ben curate.

A differenza di quello italiano, il giardino provenzale si distingue per la presenza di piante particolarmente profumate: consigliato l’inserimento della lavanda, aspra ma delicata allo stesso tempo.

come-sistemare-giardino 23

Il giardino country

Questo stile di giardino rappresenta la forma più spontanea e naturale possibile di giardino che possiamo immaginare. Piante, alberi, fiori hanno la loro disposizione in modo naturale, senza artifici né una cura puntuale nel garden design. Largo spazio anche alla realizzazione di un’area adibita ad orto domestico e alle piante aromatiche.

come-sistemare-giardino 24

L’esposizione solare per sistemare il giardino

Definito il tipo di design che vogliamo dare al giardino, sapremo come organizzare il terreno. Un fattore importante, però, da tenere a mente prima della scelta delle piantumazioni è l’esposizione solare.

Quando andiamo a posizionare piante, fiori, siepi e arredi, dobbiamo considerare quali sono le zone investite dai raggi solari durante il giorno e quali sono le zone d’ombra. Andiamo, quindi, a valutare la posizione del giardino rispetto ai corpi fuori terra della nostra abitazione e di quelle limitrofe con cui confina quest’area. Infatti, se abbiamo un’esposizione verso sud, tutto sarà esposto al sole, quindi consigliatissime piante e fiori resistenti alla siccità e al caldo:

  • geranio
  • verbena
  • petunia
  • calibrachoa
  • gazania
  • hibiscus
  • platycodon
  • vinca
  • portulaca
  • euphorbia.

come-sistemare-giardino 1

Il sistema di irrigazione

Quando andiamo a sistemare il giardino, fondamentale è la progettazione di un sistema di irrigazione funzionale ed efficiente. Possiamo investire in un impianto di irrigazione manuale o automatizzato. Oggi la domotica ci permette anche di gestire in remoto le sue funzioni. Molto apprezzato è il sistema a goccia, che permette di bagnare uniformemente il terriccio in prossimità delle radici, consentendo in questo modo un grande risparmio energetico.

come-sistemare-giardino 13

Sistemare il giardino e curarlo

Una volta che abbiamo definito tutto quello di cui abbiamo bisogno, progettiamo e installiamo il nostro giardino. Ma non finisce qui! La natura ha bisogno di cure costanti e ogni arbusto e fiore ha le sue esigenze nei vari mesi dell’anno. A tal fine, è consigliato scegliere piante e fiori e informarsi fin da subito di quali cure necessitano durante tutto l’anno.

come-sistemare-giardino 8

Come sistemare il giardino: foto e immagini

Serena Giuditta
  • Scrittore e Blogger
  • Redattore specializzato in Arredo e Design
Suggerisci una modifica
Commenti Espandi

Lascia una risposta

Accedi per lasciare un commento.