Bagno en suite: ecco le migliori idee per realizzarlo

Quando siamo in viaggio, il momento della giornata che attendiamo con piacere è tornare in albergo, per godere di un comodo bagno in camera. Oggi avere una toilette in camera da letto non è più una prerogativa degli hotel o degli appartamenti più lussuosi. Scopriamo come realizzare un perfetto bagno en suite grazie ai suggerimenti degli interior designer.

Alzi la mano chi non ha mai sognato di avere un bagno in camera da letto! Ebbene sì, il bagno en suite è una di quelle richieste che gli architetti ricevono più spesso. Un piccolo lusso che, partendo dagli alberghi, ha letteralmente affascinato le pareti domestiche.

Il modo di concepire gli spazi ha subito, per fortuna, notevoli cambiamenti, per cui  il bagno in camera non appare più come un elemento di sfarzo, ma una scelta fattibile anche in spazi molto piccoli.

Ovviamente il bagno en suite può avere diverse varianti, che dipendono dalle dimensioni, dalla forma e dallo stile della camera da letto. Ecco alcune idee per realizzare il bagno in camera e trasformare la zona notte in un ambiente di livello superiore.


Leggi anche: Scritte, testi, simboli e disegni ASCII

Bagno in camera tradizionale

Se la disposizione e le dimensioni della stanza lo permettono, la scelta più semplice, ed anche più ovvia, è quella che si ispira agli alberghi. Parliamo, chiaramente, di un bagno in camera senza troppe pretese, che presenta le seguenti caratteristiche:

  • È affiancato alla camera da letto, su lato lungo o lato corto
  • Possiede i sanitari essenziali, lavandino, vasca e/o doccia
  • Presenta tutti i lati chiusi
  • Ha le pareti ad altezza classica, che arriva fino al soffitto.

Bagno dietro la vetrata

Una scelta coraggiosa, ma con effetto di gran classe, è l’utilizzo di una semplice vetrata che separi il bagno dalla zona notte. Per ottenere un ambiente luminoso e sofisticato, si può optare per una vetrata trasparente.

In tal caso, è opportuno mantenere il bagno sempre in perfetto ordine, mentre per garantire massima riservatezza basterà posizionare i servizi sanitari  in uno spazio posto sul fondo. Vasca e lavabo possono essere lasciati in bella vista.

Per chi invece non vuole rinunciare ad una piena intimità, la vetrata acidata è la soluzione ideale per due motivi:

  • Trasmette un senso di leggerezza e di eleganza all’ambiente
  • È originale, ma allo stesso tempo funzionale. perché richiede una pulizia meno accurata e garantisce maggiore privacy.


Potrebbe interessarti: Color malva: i migliori abbinamenti

Bagno dietro al letto

Un’idea davvero originale nasce dall’utilizzo della zona posteriore al letto. Tale scelta può concretizzarsi attraverso due elementi:

  1. Il muretto divisorio
  2. Il pannello in legno.

Nel primo caso, il muretto svolge una tripla funzione. Da un parte, separa l’ambiente in due zone. Dall’altra, ricopre contemporaneamente il ruolo di testata per il letto e di parete per il lavabo.

Il risultato sarà un mix di leggerezza e di funzionalità. Inoltre, se vi state chiedendo dove posizionare la doccia, basterà realizzare un box in vetro.

Nel caso si preferisca il pannello in legno, leggerezza e praticità sono egualmente garantite, se non accentuate, da un design che ricorda molto quello giapponese, impregnato di spirito zen.

Stile retrò

Bagno in camera non dev’essere per forza sinonimo di modernità. In passato, avere uno spazio riservato alla pulizia e alla cura personale in camera da letto era comune a molte case. Per ricreare un ambiente dal gusto retrò nella zona notte, basterà introdurre un paravento o una tenda che separi il letto dalla vasca e dal lavabo.

La tenda, specialmente se realizzata in tessuto trasparente, si rivelerà una scelta molto utile al passaggio della luce. Il paravento, invece, oltre a dare un tocco vintage all’ambiente, può sostituire tranquillamente la realizzazione di pareti ad hoc, separando in due l’ambiente senza ricorrere a costosi lavori di ristrutturazione.

Open space

Se avete deciso di realizzare la vostra camera da letto in mansarda, dove lo spazio non è molto, allora potreste optare per un bagno open space, che diventa parte integrante della zona notte.

Il consiglio, in tal caso, è di destinare la parte del sottotetto alla vasca da bagno, che di per sé, soprattutto se si tratta di un pezzo importante di design, valorizza molto bene lo spazio ad essa riservato.

Inoltre, se pensate che la scelta dell’open space vi faccia rinunciare alla privacy, vi sbagliate. Per garantire un minimo di intimità, basterà riservare ai servizi sanitari una piccola nicchia seminascosta, separata dal resto dell’ambiente attraverso una porzione piastrellata di pavimento.

Consigli per l’arredamento

Teniamo sempre bene a mente che il bagno in camera, qualunque sia la sua collocazione, non è un ambiente a parte. Piuttosto, potremmo considerarlo una stanza nella stanza.

Per questa ragione, se decidete di realizzare il tanto agognato bagno en suite, cercate sempre di metterlo in relazione con la camera da letto. Come? Scegliendo i materiali già presenti nella zona notte e creando continuità tra le pareti e il pavimento.

Seguire questi piccoli ma preziosi suggerimenti farà sì che la vostra camera da letto sia in perfetta armonia con il bagno, che a sua volta trasmetterà una sensazione di elevato comfort.

Bagno in camera: foto e immagini

Oggi realizzare il bagno in camera permette di giocare in vari modi con la fantasia e di sbizzarrirsi con le infinite proposte di design. Se avete le idee confuse, vi proponiamo una galleria fotografica ricca di suggerimenti per tutte le necessità.

Maria Grazia Pastore
  • Laurea Magistrale in Scienze delle Relazioni Internazionali
  • Autore specializzato in Arredo e Design
  • Percorso di accesso all’Insegnamento delle Discipline Giuridiche, Ambito Legale
Suggerisci una modifica
Iscriviti alla Newsletter

Vuoi seguire le novità in tema di casa, design, vedere le migliori idee per arredare, dipingere e tanti altri contenuti originali. Registrati gratuitamente alla nostra newsletter.