Arredare la cucina: 3 errori che tutti fanno

Rita Paola Maietta
  • Giornalista Pubblicista

La cucina deve essere arredata in modo funzionale ed accogliente. Di seguito, analizzeremo tre errori che tutti commettono e come evitarli. 

Arredare la cucina: 3 errori che tutti fanno

Galleria foto ed immagini

Fulcro fondamentale della nostra casa, la cucina è una stanza che deve essere progettata con passione ma anche tanta cura. Un luogo di esperimenti culinari, svago ma anche dispensa, la cucina è la stanza più difficile da arredare. Lo scopo è quello di ottenere un ambiente non solo confortevole ma anche funzionale a preparare e consumare i cibi per se e per tutta la famiglia.

Per poter arredare la cucina, dunque, si dovrebbero rispettare una serie di parametri. Del resto, si prevede che in cucina si andranno a trascorrere molte ore del proprio tempo per preparare e gustare i piatti in momenti di convivialità.

Un ambiente non confortevole e non progettato, soprattutto se si tratta della cucina, potrebbe essere fonte di stress per chi lo vive. Spesso gli errori d’arredo che ci sono nella nostra cucina li soffriamo ma non riusciamo a vederli. Anche perché, soprattutto se la cucina è abbastanza grande, diventa all’occorrenza un living o il luogo dove si svolgono piccole attività, soprattutto con i bambini.

Gli errori che tutti commettono spesso sono dovuti a retaggi culturali oppure, semplicemente, ad una scarsa progettualità. Mano a mano che leggerai di seguito gli errori che ti illustreremo, resterai stupito.

Arredare la cucina: 3 errori che tutti fanno

1. Non sfruttare tutto lo spazio

Arredare la cucina: 3 errori che tutti fanno

La cucina deve essere concepita come una stanza a tutti gli effetti. Per questo motivo, in fase di progettazione devono essere prese le misure in modo corretto. In questo modo, si potrà comprendere quali sono i mobili o la serie di mobili, che entreranno perfettamente nella stanza.

Quello che spesso si fa è non sfruttare tutto lo spazio. Parallelamente, però, si deve fare in modo che l’ambiente non risulti vuoto ma nemmeno saturo. Grazie alle soluzioni tecnologiche più nuove potrai avere ante e mensole a scomparsa per sfruttare tutto, anche i pochi centimetri.

Se hai carenza di spazio, soprattutto per riporre le cose che usi di meno, potresti pensare di arredare in altezza. Una soluzione molto comoda che ti permetterà di sfruttare tutto lo spazio.

2. Posizionare male i grandi elettrodomestici

Arredare la cucina: 3 errori che tutti fanno

I grandi elettrodomestici sono irrinunciabili in cucina. Una disposizione corretta non rovinerà l’estetica ma ti permetterà anche di lavorare in modo efficace ed efficiente nella tua cucina. Pensa al frigorifero, non si può pensare di non avercelo. Però, la sua presenza, può essere particolarmente ingombrante. Nel posizionarlo in cucina, spesso, si sbaglia mettendolo troppo vicino al muro oppure troppo lontano dalle prese di corrente.

Due elementi che non ti permetteranno di pulire efficacemente o di intervenire in caso di guasti o riparazioni. In linea di massima, questa regola vale per tutti gli elettrodomestici: attenzione a prese e vicinanza con la parete. Spesso, inoltre, non si considera l’apertura della porta del frigorifero: se intralcia le persone quando entrano in cucina oppure se la porta potrebbe danneggiarsi sbattendo su altri mobili.

Un altro elettrodomestico ingombrante è il forno. Spesso non si considera che bisogna abbassarsi per aprirlo. Meglio optare per una disposizione a torre: la tua schiena ringrazierà. Controllerai la cottura e potrai prendere o disporre gli alimenti con molta più facilità. Inoltre, il forno ed il microonde non dovrebbero stare vicino a materiali che sono troppo sensibili al calore.

3. Trascurare l’illuminazione

Arredare la cucina: 3 errori che tutti fanno

La giusta illuminazione è importante, anche e soprattutto in cucina. In questa stanza della casa, infatti, la luce corretta ti permetterà di visualizzare al meglio ciò che stai facendo e cosa cucini. I piani di lavoro devono essere correttamente illuminati per evitare di sbagliare le preparazioni ma anche per non far risaltare tutti gli arredi.

Per illuminazione intendiamo non soltanto quella artificiale ma anche naturale. Quest’ultima, condizionerà la disposizione del lavabo e del piano di lavoro. Perciò non scegliere tendaggi troppo pesanti ma altri leggeri che possano far filtrare la luce. La luce artificiale, invece, dovrà essere studiata considerando le azioni che si andranno a fare in cucina: sui piani di preparazione più forte e diretta, sul tavolo da pranzo più diffusa.

Le zone d’ombra dovrebbero essere evitate perché potrebbero rendere difficili i movimenti tra i vari spazi della cucina. Quindi, un’unica illuminazione a soffitto, dovrebbe essere categoricamente evitata.

Se la tua illuminazione è così in cucina, potresti compensare aggiungendo dei punti luce come, ad esempio, lampade aggiuntive oppure file di LED nelle vicinanze del piano di lavoro. Potresti pensare, ad esempio, a punti luce con illuminazione a contatto, da accendere all’occorrenza.

Galleria idee e foto per arredare la cucina

Ora che conosci i tre errori più comuni che si fanno nell’arredare la cucina, siamo sicuri che non li commetterai nell’arredare la tua. Se hai trovato utile questo articolo, condividilo con un amico a cui potrebbe essere utile a sua volta. Buon lavoro.